Voglia di primavera.

Svegliarsi alle 5, guardare che tempo fa fuori, sbraitare perché gennaio sembra non finire mai e decidere che per voi oggi è primavera.
Davvero, sembra una vita che siamo a gennaio ma il calendario si ostina a dire che oggi è solo il 20.
Eppure io mi sento priva di energia, fuori gli uccellini cinguettano, qualunque superficie provvista di erba è piena di margherite…tutti gli indizi puntano a primavera.
Bene, allora che primavera sia!
Fase 1: Narciso Rodriguez. Ho sempre associato questa fragranza alla primavera, basta una spruzzata per essere come in un prato completamente fiorito.

20140120-094247.jpg
Amo molto questa fragranza, tanto che possiedo sia la versione eau de toilette che eau de parfum, il profumo da borsetta, la crema corpo ed il profumo per capelli.
Questa mattina ho optato per l’eau de parfum, più dolce ed intenso rispetto all’eau de toilette; inizialmente vengono sprigionate le sue note calde, ambra e legno sembrano avere la meglio, le sfumature muschiate sono subito riconoscibili, ma basterà aspettare qualche istante perché venga sprigionata la sua anima floreale.
Insomma, se siete stanchi dell’inverno e volete che sia primavera subito, questo è il profumo che fa per voi.
Fase 2: ultimamente mi sono fossilizzata sull’ombretto grigio, lo utilizzo praticamente ogni giorno.
Oggi no, Narciso Rodriguez risveglia la voglia di colore!
Solitamente a questo profumo associo il rosa, è il mio colore preferito nonché l’incarnazione pura della primavera; non so perché ma oggi avevo voglia di azzurro, un colore che non utilizzo mai, motivo per cui non riuscivo a trovare un ombretto di questa tonalità tra la montagna di palette che possiedo.
Dopo aver scoperto di avere una quantità spropositata di ombretti rosa, grigi e marroni, mi sono ricordata che all’interno della pupa bunny rosa era presente una minuscola quantità di ombretto azzurro, seppur il risultato ricorda più un grigio chiaro che un azzurro.

20140120-094343.jpg
Promemoria per Lara: basta comprare ombretti rosa.
Per quanto riguarda le labbra più che una scelta la mia è stata una necessità.
Da qualche giorno sono raffreddatissisma, passo il tempo a soffiarmi il naso ed a lavarmi le mani.
Il risultato sono naso e labbra screpolati e mani arrossate.
Per le mani utilizzo una crema meravigliosa della Kaloderma al burro di karitè, mentre le mie labbra sono state salvate dal balsamo Eclat Minute di Clarins.

20140120-094424.jpg
Vi avevo già parlato di questo prodotto, faceva parte del set “programma labbra scintillanti” di Clarins e mi aveva lasciato veramente soddisfatta, così l’ho acquistato in taglia grande, decisione che negli ultimi giorni si è rivelata veramente saggia.
Questo balsamo è quasi indispensabile nei casi estremi, perché nutre davvero in profondità ma lascia le labbra lucide e belle come un gloss.
Il pensiero di non utilizzare il mio Dior Glow e di doverlo sostituire con un burrocacao non mi alettava per niente, ma grazie ad Eclat Minute questi giorni si sono rivelati meno traumatici del previsto.
La mini taglia presente nel set era il n. 01, un rosa chiarissimo praticamente trasparente, mentre quello che ho acquistato è il n. 05 candy shimmer, un rosa leggermente più intenso, ma sempre profumatissimo e cremoso.

20140120-094924.jpg
Ho notato che quasi tutti o rossetti od i gloss che preferisco contengono la parola candy nel nome.
Fase 3: finalmente sono riuscita a legare i capelli! Insomma la mia coda è davvero minuscola, ma considerato che fino a 2 settimane fa mi era impossibile riuscirci, ne sono entusiasta. Sto facendo il tifo per i miei capelli perché crescano il più velocemente possibile, mi manca tanto la mia lunga chioma 😦
Per aiutarli in questa impresa sto utilizzando un integratore miracoloso che ho già usato in passato: bio mineral one.
Basta un compressa al giorno per rafforzare i capelli e farli crescere velocemente e sani, provare per credere.
Bio mineral si può acquistare tranquillamente nelle farmacie e nelle parafarmacie, una confezione contiene 30 compresse e costa circa 19€.
Fase 4: è proprio ora, devo muovermi e andare al lavoro…pronti via! Inizia la settimana e per me oggi è il primo giorno di primavera!

Oh my Glow!

Sicuramente molte lo conosceranno già, ma io non sono tra le fortunate che sono riuscite ad accaparrarsi questo gioiellino la prima volta che Dior l’ha lanciato sul mercato nella collezione Spring 2013.
In realtà il Lip Glow esigeva già da qualche anno nella versione balm, mentre con la Chèrie Bow Collection aveva fatto il suo ingresso in società la versione gloss, in coordinato con il nail glow che ho avuto il piacere di usare.
Come spesso capita con i prodotti legati alle varie collezioni stagionali, si rischia di rimanere a bocca asciutta; nonostante la crisi economica i prodotti make up di fascia alta, come appunto quelli di Dior, sono i primi ad esaurirsi.
Qualche giorno fa la rivelazione: il gloss lip glow è tornato ad arricchire l’espositore di Dior e di certo non mi sarei mai e poi mai lasciata scappare questa seconda occasione.
Eccolo qui, il gloss che ogni essere umano di sesso femminile dovrebbe possedere.

20140110-072219.jpg
Dopo 10 giorni di utilizzo intensivo, mi sento di affermare che questo gloss vale tutti i 29€ che è costato.
4 buoni motivi per non lasciarselo scappare:
-1- non appiccica. Questa a mio avviso è una prerogativa tanto essenziale quanto rara in un gloss.
Le labbra restano morbide e scivolose fino all’ultimo.
-2- dura a lungo. La particolarità dei gloss, o dei rossetti, di questo tipo è che non hanno un vero e proprio colore, ma “tirano fuori” il colore delle labbra che varia da persona a persona. Nel mio caso è un rosa scuro, per qualcuna potrebbe essere fucsia o rosso…insomma è un prodotto su misura. Il colore che ne risulta permane sulle labbra anche quando l’effetto lucido se ne va.

20140110-073341.jpg
-3- le labbra risultano morbide e piene. Sebbene non abbia trovato nessun riferimento ad un eventuale effetto volume, le labbra risultano più piene e “golose”.
-4- è l’ideale con qualunque make up.
L’ho provato con ombretti scuri, chiari, colorati, glitterati, satinati…l’effetto è sempre perfetto.

Se il Chubby Stick di Clinique è, a mio avviso, il balsamo labbra per eccellenza, questo Dior Glow si aggiudica il primo posto tra i gloss.
Il voto? Un 10 con lode!
Attendo speranzosa che Dior decida di riproporre anche il Nail Glow.

20140110-073440.jpg

Vi concio per le feste!

Non poteva mancare un post dedicato alla festa più attesa dell’anno, quella che segna la sua fine e ci regala un nuovo inizio tutto da scoprire, senza contare che è una festa che non ha età, religione ne schieramenti politici, insomma Capodanno è per tutti.
Io lo passerò a casa di amici, con le persone che mi hanno accompagnato per tutto il 2013 e che spero facciano parte della mia vita anche nel nuovo anno che si accinge ad iniziare.
Detto questo, vediamo come affrontare questa lunga notte con un look semplice ed efficace.
Ho scelto un abito di paillettes color argento scuro che voglio proporvi in due diversi contesti, cambiando gli accessori, per una versione very chic o più rock.

20131228-135003.jpg
L’abito Zara (69,95€), sarà la nostra base, ovvero l’elemento fisso per entrambe le varianti.
Vediamo come abbinarlo per una versione very chic:
-Cardigan nero con collo a scialle (H&M 19,90€)

20131228-135114.jpg

-Decoltè in pelle nera Fornarina, modello Pennylane, con tacco a stiletto e cinturino. Altezza 115 mm.
(118€)

20131228-135158.jpg

-Pochette Liu Jo modello Brigitte, nera con stampa effetto cocco (139€). Misure h. 21 cm x L. 39 cm
Qualunque pochette o borsa si voglia abbinare, è necessario che l’hardware sia color argento come il vestito; niente borse con hardware dorato.

20131228-135235.jpg

Ora che siamo vestite, pensiamo a trucco e parrucco.
Credo che in questa versione siano perfetti i capelli legati che lascino scoperto il viso e diano un’aria più sofisticata.
Qui vi mostro una pettinatura che ho creato su Katia, che mi ha gentilmente prestato la chioma, visto che i miei capelli al momento non arrivano a sfiorare le spalle.
Per realizzarla vi basterà raccogliere i capelli in una coda bassa laterale e dividerli in due ciocche che poi andrete ad accavallare e fermerete al centro con un paio di forcine.
A questo punto create due trecce e portatele verso l’alto aiutandovi con delle forcine per bloccarle in cima alla nuca.

20131228-135415.jpg

20131228-135427.jpg

Dal momento che stiamo già indossando un vestito piuttosto appariscente, vi consiglio di non “appesantire” il tutto con troppi fronzoli, quindi l’ideale sarebbe un paio di orecchini piccoli e luminosi, come due semplici brillanti bianchi che daranno luce al viso senza dare troppo nell’occhio.
Per quanto riguarda il trucco, ecco cosa vi occorrerà: BB cream, correttore in crema, cipria trasparente, blush rosa o pesca, un ombretto color argento, eyeliner nero, mascara, gloss rosa.
La BB cream è la scelta migliore, vi darà un effetto naturale e vi assicurerà la giusta idratazione per tutta la notte. Il correttore in crema (io utilizzo quello di Kiko che ha davvero un’ottima copertura) può essere utilizzato anche come primer occhi stendendolo su tutta la palpebra fino alle sopracciglia.
Stendere l’ombretto color argento su tutta la palpebra superiore e procedere con l’eyeliner, creando una riga sottile leggermente più spessa verso l’angolo esterno dell’occhio dove andremo a creare una piccola coda allungata.
Utilizzare l’ombretto argentato con il pennello bagnato lungo tutto la palpebra inferiore.
Per evitare di trasformarvi in un panda durante la nottata, utilizzate un mascara waterproof e passatelo abbondantemente per un effetto ciglia finte.

20131228-135646.jpg

Tenete in borsa la cipria trasparente ed il gloss per i ritocchi durante la serata.
Dimenticavo: per un tocco di colore, un bel rosa acceso sulle unghie, come questo Rosy bow di Dior (Dior Vernis n. 355).

20131228-141925.jpg

Ora che abbiamo creato un look very chic, ripartiamo da zero per una versione più rock.
Questa volta al l’abito di paillettes Zara, abbiniamo un chiodo di pelle nera, corto con borchie a piacere, come questo, sempre di Zara (79,95€) in eco pelle con cerniere.

20131228-140011.jpg

Con le scarpe possiamo sbizzarrirci con stivaletti bassi od anfibi.
Bellissimi questi boots di pelle nera con cinghie di Twin-Set.
In questo caso il calzettino nero si potrebbe sostituire con uno color argento.

20131228-140116.jpg

La borsa da abbinare? Va bene, siamo in versione rock, ma non dimentichiamo che non stiamo andando ad un raduno di motociclisti (se così fosse, bhe avete libertà assoluta), ma ad una festa di capodanno, quindi la borsa deve avere personalità senza rinunciare ad un tocco di femminilità.
Vi propongo questa borsa a cartella di Liu Jo, modello Giada (259€)

20131228-140142.jpg

Ed eccoci alla fase finale che comprende trucco e capelli.
Assolutamente capelli sciolti, lisci o ricci non importa, ma sono categoricamente vietati i boccoli da bambolina.
Se si vuole optare per i capelli ricci, le onde devono essere selvagge, quasi spettinate, niente pettinature da brava ragazza.
Con i capelli sciolti potete mettere un paio di orecchini pendenti; anche in questo caso un divieto assoluto: niente cuori o fiocchi o similari (per quanto siano la mia passione), ricordiamoci che abbiamo scelto di essere bambine cattive del rock, non bimbeminkia, quindi potremmo optare per un paio di orecchini di questo tipo:

20131228-140312.jpg

Per quanto riguarda il trucco, basterà una piccola variazione a quello proposto per la versione chic, sottolineando lo sguardo con la matita nera lungo la palpebra inferiore e nella rima interna dell’occhio e sostituendo il gloss rosa con un rossetto rosso.

20131228-140229.jpg

Le unghie? Rossissime, tranne l’anulare, su cui potremmo utilizzare uno smalto color argento o glitterato, come questi di L’Oreal che trovo meravigliosi.

20131228-140340.jpg

Per entrambe le versioni il profumo è solo uno: Hypnotic Poison di Dior, caldo e passionale è l’ideale per la notte più lunga dell’anno!

Fatemi sapere cosa ne pensate o magari cosa cambiaste…

Ecco i miei regali di Natale: vince Pupa

Devo ammetterlo, se da bambina mi avessero detto che un giorno a Natale avrei scartato così tanti regali…non ci avrei mai creduto!
Mai come negli ultimi anni i miei Natali sono stati così pieni di manifestazioni di affetto; come tutti amo i regali, adoro i pacchetti da scartare tanto che spesso, quando compro qualcosa per me, la faccio impacchettare solo per arrivare a casa e poterla scartare.
So che capita di aprire un bellissimo pacco sovrastato da una luccicante coccarda dorata, così bello che ci siamo chiesti cosa potesse contenere dal primo momento che lo abbiamo ricevuto, per poi restare delusi dal contenuto una volta aperto.
Bene, posso dire con gioia che questo non è il mio caso, ogni pacchetto scartato mi ha lasciato a bocca aperta, ogni cosa è stata acquistata ed impacchettata pensando a me ed ai miei gusti e posso solo dire grazie a tutti per questo.
Ecco i regali che ho ricevuto:

– profumo Moschino I Love Love, regalo di mio suocero. Io stessa avevo comprato una crema corpo della stessa fragranza da regalare.

20131227-122422.jpg

-Pupa Bunny Big color Grigio Perla; meraviglioso, adoro questi coniglietti di Pupa. Questa trousse mi è stata regalata dalla mia amica Alice che mi ha detto “Spero che ti piaccia…”
La risposta è “Tantissimo! Grazie Alice, non potevi farmi regalo più bello!”

20131227-122545.jpg

20131227-122622.jpg
Dopo aver ricevuto questo Pupa Bunny grigio perla, visto che avevo già “adottato” quello rosa un mesetto fa, guardando Simone ho detto “Questi coniglietti mi piacciono troppo, li vorrei tutti, ora mi manca solo quello verde…”
Questo ci porta al prossimo regalo…

-Pupa Bunny verde, regalo della mia “fidanzata” Carmela, la mia tesora, che oltre a completare la mia collezione di trousse conigliose, mi ha regalato anche questo smalto, sempre di pupa, della serie Crazy Crystals, che proverò nei prossimi giorni.

20131227-122707.jpg

20131227-122756.jpg
Non può mancare una foto di tutta la mia famigliola di coniglietti riunita.

20131227-122843.jpg

– Pupa Pretty Lock viola, regalo delle mie cuginette adorate Tania ed Ylenia.
Davvero carino e della giusta dimensione per portarlo sempre in borsa per un ritocco veloce.

20131227-122933.jpg

-Pupart palette occhi n. 001, regalo di mia suocera assieme ad un buono, da spendere presso le profumerie Sabbioni, del valore di 80€.

20131227-123013.jpg
Questa palette occhi l’avete già vista, era tra i regali ricevuti da Simone per il nostro anniversario, avete già letto i miei elogi in un post dedicato alla linea Princess e continuo a lodarla perché la utilizzo moltissimo e ne sono entusiasta.
Mia suocera voleva cambiarla quando ha saputo che ne possedevo già una uguale, ma le ho detto di non pensarci assolutamente; la adoro e sono più che felice di averne una di scorta da utilizzare quando avrò finito la mia. Il buono lo utilizzerò nei prossimi giorni…un profumo? Un rossetto ed una BB cream di Dior? Qualche smalto ed un mascara? Non lo so ancora, ci penserò!

-Olio corpo profumato pieno di glitter ed un gloss rosa alla fragola (tutto di Sephora) dalla mia amica Barbara.
Per ora ho provato quest’olio solo su una piccola zona del braccio, mi incuriosiva molto, è così bello da vedere e devo dire che una volta a contatto con la pelle si assorbe subito e non unge!

20131227-123044.jpg

– un Plaid bianco a Pois color caffellatte, morbidissimo e tanto caldo, regalo di Nara. Mi accompagnerà durante questi freddi mesi invernali.

20131227-123127.jpg

– due braccialetti da parte di Cinzia.

20131227-123158.jpg

– un paio di orecchini prettamente Natalizi, regalo di Daniela.

20131227-123231.jpg

-una scatola di Tea comprata in un negozio che vende prodotti inglesi da parte di Fabio, che conosce il mio amore per the, tisane, infusi e bevande calde di vario genere.

20131227-123312.jpg

-due paia di leggins, un mega barattolo di proteine al gusto fragola + varie barrette proteiche (per la dieta post feste), un top ed una macchinetta per riempire le sigarette, completa di sigarette vuote da riempire e tabacco (lo so, un brutto vizio ma fumo non poco), da parte dei miei genitori. Non vi mostro queste cose perché il top ed i leggins sono da lavare ed il resto l’ho già aperto ed iniziato ad usare.

-200€ tra nonni e zii.
– e per ultimo ho tenuto regalo di mia sorella, un regalo meraviglioso che adoro letteralmente! Amo Pupa, ma non dimentichiamo che ho una fissa per Dior, cosa che mia sorella sa bene e, come sempre, si è preoccupata di arricchire la mia collezione con questa polvere illuminante per il viso ed una delle confezioni gioiello, ad edizione limitata, che appartiene ad una delle collezioni passate e che non ero riuscita ad accaparrarmi.

20131227-123401.jpg

20131227-123414.jpg
In aggiunta ecco un paio di orecchini pendenti con cuori smaltati color tiffany…mia sorella mi conosce come le sue tasche e mi riempie di cuori e fiocchi per cui stravedo.

20131227-123451.jpg
Per ultimo voglio mostravi la finezza delle confezioni regalo ideate da Pupa: queste borsette in tessuto lucido con chiusura in velcro che già di per se sono un regalo.

20131227-123520.jpg

La regina della casa

Oggi parliamo di pulizie.
Si, proprio quelle, l’insieme di piccoli lavori domestici che nella coppia spettano sempre alle donne…
Da questo punto di vista sono più che fortunata, Simone è quasi più casalinga di me!
Questo non significa che io non faccia la mia parte, anzi, i miei pomeriggi liberi li passo per la maggior parte del tempo a pulire casa…con due gatti che perdono tonnellate di pelo e si rincorrono buttando giù qualunque cosa si trovi sul loro cammino, quasi non esiste la possibilità di sottrarsi a tale impegno.
Non so voi, ma io non nutro un particolare amore per le pulizie domestiche, esistono mille altre attività a cui mi dedicherei più volentieri…tranne quelle rare volte in cui vengo improvvisamente colta dalla “sindrome della casalinga”, una malattia autoimmune che agisce a livello neurale e provoca una sorta di ossessione verso il livello di pulizia di ogni superficie.
La durata è più o meno quella di una comune influenza, si esaurisce tra i 4 ed i 6 giorni, durante i quali mi trasformo in una specie di generale delle SS ed inizio a pulire gli schizzi sullo specchio del bagno mentre Simone si sta ancora lavando i denti…li pulisco uno ad uno, stando in piedi vicino a lui con uno straccio in mano.
“Fammi almeno finire di lavarmi!”
“Eh ma poi gli schizzi si seccano e lasciano l’alone…”
Ammetto che in quei giorni sono più insopportabile che durante il ciclo.
La sindrome della casalinga solitamente colpisce un paio di volte all’anno senza particolari conseguenze dopo essersi sfogata.
Ma parliamo della versione standard della Lara casalinga, ovvero quando mi trasformo nella regina della casa.
Solitamente arrivo a casa, mi guardo attorno, rabbrividisco nel vedere il macello creatosi in nostra assenza e guardo male i gatti che nel frattempo sbadigliano sul letto; hanno esaurito tutte le loro energie per devastare casa ed ora hanno bisogno di un po’ di riposo.
A questo punto vado in bagno, mi spruzzo il mio profumo alla vaniglia, una passata di gloss e il mio diadema.
Non scherzo, ho un diadema che indosso ogni volta che mi dedico alle pulizie; quando dico che mi trasformo nella regina della casa lo faccio sul serio.
D’obbligo la foto da inviare a Simone via WhatsApp con il messaggio “Indovina cosa sto facendo?”.

20131209-081402.jpg
Una volta terminata la sessione di pulizie vere e proprie passo lo straccio sul pavimento come ultima cosa, peccato che puntualmente questo coincida con il momento in cui, almeno un gatto su due, sente un’improvviso bisogno di lasciare il letto per fare un giretto sul parquet bagnato…giusto il tempo di lasciare qualche zampettata in giro per casa, per poi tornare subito a letto.
Ogni volta provo ad ordinare ai gatti di non farlo, gridando “Jenna, Rocco…tornate subito qui!” ma nessuno dei due riconosce la mia autorità di regina della casa.

Il mio rito serale

Credo di avere un rapporto malsano con il mio letto.
Vorrei stare sempre con lui e quando mi tocca abbandonarlo, lo penso sempre e sogno il momento in cui potrò tornare a casa e godere del suo caldo abbraccio.
Lui d’altronde non mi ha mai detto di sentirsi oppresso dalla mia presenza, di avere bisogno dei suoi spazi…mi aspetta ogni sera a casa e nel week-end passiamo molto tempo insieme.
Simone non è geloso, anche lui non disdegna la compagnia del Signor letto, così la maggior parte delle volte stiamo tutti e tre assieme: io, Simone ed il letto.
Per i nostri incontri notturni mi preparo sempre a dovere, ho il mio profumo della nana ad esempio, che mi aiuta a dormire meglio.

20131203-091922.jpg
Ogni sera, prima di dormire, inizia il mio rituale sacro: crema viso per sentire la pelle morbida, due spruzzate di Pink Sugar di Aquolina per una dolcissima notte, labello alla ciliegia per avere labbra soffici e “scivolose”.
Le ultime due notte però il Labello è stato spodestato dal rossetto liquido di Pupa della linea Princess.

20131203-092405.jpg
Lo so, andare a letto con il rossetto è da malate di mente, ma questo rossetto profuma di cioccolata ed io non resisto alla tentazione di abbandonarmi ai miei sogni accompagnata da un inebriante aroma al cioccolato…proprio sotto il naso!
Non c’è rischio che possa sporcare il cuscino di rossetto durante la notte, ultimamente sono così stanca che mi sveglio esattamente nella posizione in cui mi sono addormentata la sera prima, dormo in posizione “mummia di Tutankhamon”.
Il mio rossetto liquido Pupa è il n. 004, un bel rosa antico scuro, che sulle labbra ha un effetto molto tenue, è lucido e corposo e le lascia morbide e cioccolatose a lungo.

20131203-092438.jpg
Fino a 4 giorni fa il rito serale contemplava anche la fase capelli, che spazzolavo accuratamente, ma oramai questa parte si è ridotta a 3 colpi di spazzola.
Questo rituale pre-nanna rappresenta per me una vera e propria coccola che mi concedo prima del meritato riposo…e se questo vi sembra esagerato non è nulla in confronto alla versione “Lara fa le pulizie in casa”, ma di questo vi parlerò un’altra volta.
E voi, avete i vostri piccoli rituali serali?

Io e dicembre: amore e odio

Eccoci all’inizio di una nuova settimana, di un nuovo mese…e sempre più vicini ad un nuovo anno.
Fondamentalmente io nutro un profondo odio verso l’inverno…troppo freddo, troppo buio e soprattuto troppa pioggia.
Ma ci sono 3 cose che amo di questa gelida stagione: i cappelli di lana caldi e morbidi, la cioccolata calda sovrastata da una montagna di panna montata ed il Natale con la sua magica atmosfera che si respira già da ora.
È un qualcosa che porto dentro fin da bambina, le luci per le strade, le bancarelle di dolciumi, le canzoncine natalizie che mettono allegria…insomma dicembre per me è un mese ricco di calore e di allegria anche ora che lavoro fino alla sera della vigilia, per poi correre a casa ed aspettare mezzanotte per aprire i regali con Simone, mia sorella ed i miei genitori.
Bene, credo sia chiaro quanto io sia eccitata dal Natale, ma cercherò di stare con i piedi per terra, in fondo mancano ancora 3 settimane.
Ma parliamo di un tenerissimo coniglietto pieno di sorprese…la trousse Bunny di Pupa, uno dei regali ricevuti da Simone per il nostro 7′ anniversario e che questa mattina ho subito provato.

20131202-100237.jpg
All’interno troviamo ombretti, gloss in crema, un blush rosa ed uno specchietto (carino ma decisamente inutile viste le dimensioni).

20131202-100245.jpg
Tra gli ombretti ho provato il grigio proposto in 3 tonalità, dal più chiaro al più scuro; il grigio scuro è leggermente glitterato e molto scrivente, ne basta pochissimo per ottenere un bellissimo effetto chiaro scuro, una volta sfumato con il pennellino.
Naturalmente per andare al lavoro alle 6 mattino non mi sembrava il caso di esagerare, così mi sono limitata a stendere il grigio scuro su tutta la palpebra mobile e nell’angolo esterno dell’occhio salendo verso le sopracciglia, per poi sfumare solo l’angolo interno dell’occhio con il grigio più chiaro.
Con la matita nera, sempre di Pupa, ho disegnato tutto il contorno dell’occhio sfumandola con l’apposito gommino e definendo solo l’angolo più esterno con l’eyeliner nero.

20131202-100355.jpg
Tanto mascara Pupa Vamp per un effetto ciglia finte; questo mascara mi ha lasciato davvero sorpresa, ciglia lunghissime e folte già dalla prima passata, se anche la durata mi lascerà soddisfatta potrei incoronare questo Pupa Vamp “mio mascara”.

20131202-100524.jpg
Blush rosa e gloss per completare la fase make-up, un paio di orecchini pendenti per dare un tocco di classe ed un profumo nuovo per dare il via a questa prima giornata di lavorativa di dicembre.
Ricordate la mia amica, quella che ogni volta che mi pensava si presentava con un vassoio di biscotti, rovinando i miei sforzi di mettermi a dieta?
Ecco, per risolvere il problema l’ho costretta a mettersi a dieta con me ed oggi possiamo dire che la prima settimana di dieta è riuscita senza sgarri; non potendo comprare biscotti, questa volta il suo pensiero si è trasformato in un profumo da aggiungere alla mia collezione: Midnight Poisondi Dior.

20131202-100638.jpg
Si tratta di un profumo ambrato, intenso e persistente, caldo e misterioso.
Si presenta in una splendida bottiglietta blu, la stessa di tutti i profumi della linea Poison di Dior.
Regalo azzeccatissimo e molto gradito, perfetto per la mia dieta; la mia nuova teoria sostiene che un profumo che riempie il cuore e le narici aiuta a non sgarrare, visto che copre il profumo di brioche e affini.
Ed ora via…il lavoro mi attende…buon lunedì a tutti!

20131202-100710.jpg