LE LIFT Chanel, un pugno in un occhio, anzi in entrambi!

Scrivere questo post mi spezza quasi il cuore, già odio fare recensioni negative figuriamoci se a finire sotto accusa è uno dei miei marchi favoriti!
Sto parlando di Chanel, un nome che da solo riesce a far battere il cuore delle donzelle di tutto il pianeta terra e non escludo che anche su Nibiru lo conoscano.
Fino ad ora l’unico prodotto che non mi aveva entusiasmato era stato uno smalto dalla consistenza un po’ troppo pastosa per i miei gusti ma non avevo neppure pensato di scrivere un post a riguardo vista la stima che tutt’ora nutro per Chanel.
Ciò di cui voglio parlarvi oggi è il siero “LE LIFT”, di cui ho ricevuto un campione omaggio in profumeria e che ho deciso di provare nonostante si tratti di un prodotto antirughe mentre io solitamente sono più orientata verso creme idratanti.
2015/01/img_4207.jpg
L’ho utilizzato per 3 giorni sostituendolo alla mia crema viso Dior Close Up e già la sera del primo giorno avevo notato una lieve screpolatura sotto l’occhio destro che il mattino successivo appariva leggermente arrossato.
L’idea che fosse colpa del nuovo siero non mi aveva neppure sfiorato ed ho continuato ad utilizzarlo per i due giorni successivi.
Ieri sera dopo essermi struccata avevo notato che anche l’occhio sinistro appariva arrossato ma essendo di coccio non mi sono curata più di tanto della cosa e ho utilizzato ancora il siero visto che adatto sia per il giorno che per la notte.
Questa mattina il danno…per un attimo ho creduto che il mio ragazzo mi avesse preso a pugni durante la notte essendomi svegliata con gli occhi pesti e arrossatissimi.
2015/01/img_4208.jpg
Fino ad oggi non avevo mai avuto problemi con nessun siero o crema per il viso, se non un fastidioso effetto lucido, motivo per cui l’idea che l’arrossamento sotto gli occhi fosse causato da una reazione al prodotto in questione non l’avevo neppure presa in considerazione.
2015/01/img_4209.jpg2015/01/img_4210.jpg
Non posso far altro che sconsigliare questo siero, sebbene in un primo momento la pelle risulti perfettamente liscia e levigata, l’effetto occhi pesti che mi ha regalato non è per nulla chic!
Scusa Chanel, avrai sempre un posto speciale nel mio cuore, ma per quanto riguarda sieri e creme viso credo resterò fedele a Dior.

Oh my Glow!

Sicuramente molte lo conosceranno già, ma io non sono tra le fortunate che sono riuscite ad accaparrarsi questo gioiellino la prima volta che Dior l’ha lanciato sul mercato nella collezione Spring 2013.
In realtà il Lip Glow esigeva già da qualche anno nella versione balm, mentre con la Chèrie Bow Collection aveva fatto il suo ingresso in società la versione gloss, in coordinato con il nail glow che ho avuto il piacere di usare.
Come spesso capita con i prodotti legati alle varie collezioni stagionali, si rischia di rimanere a bocca asciutta; nonostante la crisi economica i prodotti make up di fascia alta, come appunto quelli di Dior, sono i primi ad esaurirsi.
Qualche giorno fa la rivelazione: il gloss lip glow è tornato ad arricchire l’espositore di Dior e di certo non mi sarei mai e poi mai lasciata scappare questa seconda occasione.
Eccolo qui, il gloss che ogni essere umano di sesso femminile dovrebbe possedere.

20140110-072219.jpg
Dopo 10 giorni di utilizzo intensivo, mi sento di affermare che questo gloss vale tutti i 29€ che è costato.
4 buoni motivi per non lasciarselo scappare:
-1- non appiccica. Questa a mio avviso è una prerogativa tanto essenziale quanto rara in un gloss.
Le labbra restano morbide e scivolose fino all’ultimo.
-2- dura a lungo. La particolarità dei gloss, o dei rossetti, di questo tipo è che non hanno un vero e proprio colore, ma “tirano fuori” il colore delle labbra che varia da persona a persona. Nel mio caso è un rosa scuro, per qualcuna potrebbe essere fucsia o rosso…insomma è un prodotto su misura. Il colore che ne risulta permane sulle labbra anche quando l’effetto lucido se ne va.

20140110-073341.jpg
-3- le labbra risultano morbide e piene. Sebbene non abbia trovato nessun riferimento ad un eventuale effetto volume, le labbra risultano più piene e “golose”.
-4- è l’ideale con qualunque make up.
L’ho provato con ombretti scuri, chiari, colorati, glitterati, satinati…l’effetto è sempre perfetto.

Se il Chubby Stick di Clinique è, a mio avviso, il balsamo labbra per eccellenza, questo Dior Glow si aggiudica il primo posto tra i gloss.
Il voto? Un 10 con lode!
Attendo speranzosa che Dior decida di riproporre anche il Nail Glow.

20140110-073440.jpg

Vi concio per le feste!

Non poteva mancare un post dedicato alla festa più attesa dell’anno, quella che segna la sua fine e ci regala un nuovo inizio tutto da scoprire, senza contare che è una festa che non ha età, religione ne schieramenti politici, insomma Capodanno è per tutti.
Io lo passerò a casa di amici, con le persone che mi hanno accompagnato per tutto il 2013 e che spero facciano parte della mia vita anche nel nuovo anno che si accinge ad iniziare.
Detto questo, vediamo come affrontare questa lunga notte con un look semplice ed efficace.
Ho scelto un abito di paillettes color argento scuro che voglio proporvi in due diversi contesti, cambiando gli accessori, per una versione very chic o più rock.

20131228-135003.jpg
L’abito Zara (69,95€), sarà la nostra base, ovvero l’elemento fisso per entrambe le varianti.
Vediamo come abbinarlo per una versione very chic:
-Cardigan nero con collo a scialle (H&M 19,90€)

20131228-135114.jpg

-Decoltè in pelle nera Fornarina, modello Pennylane, con tacco a stiletto e cinturino. Altezza 115 mm.
(118€)

20131228-135158.jpg

-Pochette Liu Jo modello Brigitte, nera con stampa effetto cocco (139€). Misure h. 21 cm x L. 39 cm
Qualunque pochette o borsa si voglia abbinare, è necessario che l’hardware sia color argento come il vestito; niente borse con hardware dorato.

20131228-135235.jpg

Ora che siamo vestite, pensiamo a trucco e parrucco.
Credo che in questa versione siano perfetti i capelli legati che lascino scoperto il viso e diano un’aria più sofisticata.
Qui vi mostro una pettinatura che ho creato su Katia, che mi ha gentilmente prestato la chioma, visto che i miei capelli al momento non arrivano a sfiorare le spalle.
Per realizzarla vi basterà raccogliere i capelli in una coda bassa laterale e dividerli in due ciocche che poi andrete ad accavallare e fermerete al centro con un paio di forcine.
A questo punto create due trecce e portatele verso l’alto aiutandovi con delle forcine per bloccarle in cima alla nuca.

20131228-135415.jpg

20131228-135427.jpg

Dal momento che stiamo già indossando un vestito piuttosto appariscente, vi consiglio di non “appesantire” il tutto con troppi fronzoli, quindi l’ideale sarebbe un paio di orecchini piccoli e luminosi, come due semplici brillanti bianchi che daranno luce al viso senza dare troppo nell’occhio.
Per quanto riguarda il trucco, ecco cosa vi occorrerà: BB cream, correttore in crema, cipria trasparente, blush rosa o pesca, un ombretto color argento, eyeliner nero, mascara, gloss rosa.
La BB cream è la scelta migliore, vi darà un effetto naturale e vi assicurerà la giusta idratazione per tutta la notte. Il correttore in crema (io utilizzo quello di Kiko che ha davvero un’ottima copertura) può essere utilizzato anche come primer occhi stendendolo su tutta la palpebra fino alle sopracciglia.
Stendere l’ombretto color argento su tutta la palpebra superiore e procedere con l’eyeliner, creando una riga sottile leggermente più spessa verso l’angolo esterno dell’occhio dove andremo a creare una piccola coda allungata.
Utilizzare l’ombretto argentato con il pennello bagnato lungo tutto la palpebra inferiore.
Per evitare di trasformarvi in un panda durante la nottata, utilizzate un mascara waterproof e passatelo abbondantemente per un effetto ciglia finte.

20131228-135646.jpg

Tenete in borsa la cipria trasparente ed il gloss per i ritocchi durante la serata.
Dimenticavo: per un tocco di colore, un bel rosa acceso sulle unghie, come questo Rosy bow di Dior (Dior Vernis n. 355).

20131228-141925.jpg

Ora che abbiamo creato un look very chic, ripartiamo da zero per una versione più rock.
Questa volta al l’abito di paillettes Zara, abbiniamo un chiodo di pelle nera, corto con borchie a piacere, come questo, sempre di Zara (79,95€) in eco pelle con cerniere.

20131228-140011.jpg

Con le scarpe possiamo sbizzarrirci con stivaletti bassi od anfibi.
Bellissimi questi boots di pelle nera con cinghie di Twin-Set.
In questo caso il calzettino nero si potrebbe sostituire con uno color argento.

20131228-140116.jpg

La borsa da abbinare? Va bene, siamo in versione rock, ma non dimentichiamo che non stiamo andando ad un raduno di motociclisti (se così fosse, bhe avete libertà assoluta), ma ad una festa di capodanno, quindi la borsa deve avere personalità senza rinunciare ad un tocco di femminilità.
Vi propongo questa borsa a cartella di Liu Jo, modello Giada (259€)

20131228-140142.jpg

Ed eccoci alla fase finale che comprende trucco e capelli.
Assolutamente capelli sciolti, lisci o ricci non importa, ma sono categoricamente vietati i boccoli da bambolina.
Se si vuole optare per i capelli ricci, le onde devono essere selvagge, quasi spettinate, niente pettinature da brava ragazza.
Con i capelli sciolti potete mettere un paio di orecchini pendenti; anche in questo caso un divieto assoluto: niente cuori o fiocchi o similari (per quanto siano la mia passione), ricordiamoci che abbiamo scelto di essere bambine cattive del rock, non bimbeminkia, quindi potremmo optare per un paio di orecchini di questo tipo:

20131228-140312.jpg

Per quanto riguarda il trucco, basterà una piccola variazione a quello proposto per la versione chic, sottolineando lo sguardo con la matita nera lungo la palpebra inferiore e nella rima interna dell’occhio e sostituendo il gloss rosa con un rossetto rosso.

20131228-140229.jpg

Le unghie? Rossissime, tranne l’anulare, su cui potremmo utilizzare uno smalto color argento o glitterato, come questi di L’Oreal che trovo meravigliosi.

20131228-140340.jpg

Per entrambe le versioni il profumo è solo uno: Hypnotic Poison di Dior, caldo e passionale è l’ideale per la notte più lunga dell’anno!

Fatemi sapere cosa ne pensate o magari cosa cambiaste…

Ecco i miei regali di Natale: vince Pupa

Devo ammetterlo, se da bambina mi avessero detto che un giorno a Natale avrei scartato così tanti regali…non ci avrei mai creduto!
Mai come negli ultimi anni i miei Natali sono stati così pieni di manifestazioni di affetto; come tutti amo i regali, adoro i pacchetti da scartare tanto che spesso, quando compro qualcosa per me, la faccio impacchettare solo per arrivare a casa e poterla scartare.
So che capita di aprire un bellissimo pacco sovrastato da una luccicante coccarda dorata, così bello che ci siamo chiesti cosa potesse contenere dal primo momento che lo abbiamo ricevuto, per poi restare delusi dal contenuto una volta aperto.
Bene, posso dire con gioia che questo non è il mio caso, ogni pacchetto scartato mi ha lasciato a bocca aperta, ogni cosa è stata acquistata ed impacchettata pensando a me ed ai miei gusti e posso solo dire grazie a tutti per questo.
Ecco i regali che ho ricevuto:

– profumo Moschino I Love Love, regalo di mio suocero. Io stessa avevo comprato una crema corpo della stessa fragranza da regalare.

20131227-122422.jpg

-Pupa Bunny Big color Grigio Perla; meraviglioso, adoro questi coniglietti di Pupa. Questa trousse mi è stata regalata dalla mia amica Alice che mi ha detto “Spero che ti piaccia…”
La risposta è “Tantissimo! Grazie Alice, non potevi farmi regalo più bello!”

20131227-122545.jpg

20131227-122622.jpg
Dopo aver ricevuto questo Pupa Bunny grigio perla, visto che avevo già “adottato” quello rosa un mesetto fa, guardando Simone ho detto “Questi coniglietti mi piacciono troppo, li vorrei tutti, ora mi manca solo quello verde…”
Questo ci porta al prossimo regalo…

-Pupa Bunny verde, regalo della mia “fidanzata” Carmela, la mia tesora, che oltre a completare la mia collezione di trousse conigliose, mi ha regalato anche questo smalto, sempre di pupa, della serie Crazy Crystals, che proverò nei prossimi giorni.

20131227-122707.jpg

20131227-122756.jpg
Non può mancare una foto di tutta la mia famigliola di coniglietti riunita.

20131227-122843.jpg

– Pupa Pretty Lock viola, regalo delle mie cuginette adorate Tania ed Ylenia.
Davvero carino e della giusta dimensione per portarlo sempre in borsa per un ritocco veloce.

20131227-122933.jpg

-Pupart palette occhi n. 001, regalo di mia suocera assieme ad un buono, da spendere presso le profumerie Sabbioni, del valore di 80€.

20131227-123013.jpg
Questa palette occhi l’avete già vista, era tra i regali ricevuti da Simone per il nostro anniversario, avete già letto i miei elogi in un post dedicato alla linea Princess e continuo a lodarla perché la utilizzo moltissimo e ne sono entusiasta.
Mia suocera voleva cambiarla quando ha saputo che ne possedevo già una uguale, ma le ho detto di non pensarci assolutamente; la adoro e sono più che felice di averne una di scorta da utilizzare quando avrò finito la mia. Il buono lo utilizzerò nei prossimi giorni…un profumo? Un rossetto ed una BB cream di Dior? Qualche smalto ed un mascara? Non lo so ancora, ci penserò!

-Olio corpo profumato pieno di glitter ed un gloss rosa alla fragola (tutto di Sephora) dalla mia amica Barbara.
Per ora ho provato quest’olio solo su una piccola zona del braccio, mi incuriosiva molto, è così bello da vedere e devo dire che una volta a contatto con la pelle si assorbe subito e non unge!

20131227-123044.jpg

– un Plaid bianco a Pois color caffellatte, morbidissimo e tanto caldo, regalo di Nara. Mi accompagnerà durante questi freddi mesi invernali.

20131227-123127.jpg

– due braccialetti da parte di Cinzia.

20131227-123158.jpg

– un paio di orecchini prettamente Natalizi, regalo di Daniela.

20131227-123231.jpg

-una scatola di Tea comprata in un negozio che vende prodotti inglesi da parte di Fabio, che conosce il mio amore per the, tisane, infusi e bevande calde di vario genere.

20131227-123312.jpg

-due paia di leggins, un mega barattolo di proteine al gusto fragola + varie barrette proteiche (per la dieta post feste), un top ed una macchinetta per riempire le sigarette, completa di sigarette vuote da riempire e tabacco (lo so, un brutto vizio ma fumo non poco), da parte dei miei genitori. Non vi mostro queste cose perché il top ed i leggins sono da lavare ed il resto l’ho già aperto ed iniziato ad usare.

-200€ tra nonni e zii.
– e per ultimo ho tenuto regalo di mia sorella, un regalo meraviglioso che adoro letteralmente! Amo Pupa, ma non dimentichiamo che ho una fissa per Dior, cosa che mia sorella sa bene e, come sempre, si è preoccupata di arricchire la mia collezione con questa polvere illuminante per il viso ed una delle confezioni gioiello, ad edizione limitata, che appartiene ad una delle collezioni passate e che non ero riuscita ad accaparrarmi.

20131227-123401.jpg

20131227-123414.jpg
In aggiunta ecco un paio di orecchini pendenti con cuori smaltati color tiffany…mia sorella mi conosce come le sue tasche e mi riempie di cuori e fiocchi per cui stravedo.

20131227-123451.jpg
Per ultimo voglio mostravi la finezza delle confezioni regalo ideate da Pupa: queste borsette in tessuto lucido con chiusura in velcro che già di per se sono un regalo.

20131227-123520.jpg

Io e dicembre: amore e odio

Eccoci all’inizio di una nuova settimana, di un nuovo mese…e sempre più vicini ad un nuovo anno.
Fondamentalmente io nutro un profondo odio verso l’inverno…troppo freddo, troppo buio e soprattuto troppa pioggia.
Ma ci sono 3 cose che amo di questa gelida stagione: i cappelli di lana caldi e morbidi, la cioccolata calda sovrastata da una montagna di panna montata ed il Natale con la sua magica atmosfera che si respira già da ora.
È un qualcosa che porto dentro fin da bambina, le luci per le strade, le bancarelle di dolciumi, le canzoncine natalizie che mettono allegria…insomma dicembre per me è un mese ricco di calore e di allegria anche ora che lavoro fino alla sera della vigilia, per poi correre a casa ed aspettare mezzanotte per aprire i regali con Simone, mia sorella ed i miei genitori.
Bene, credo sia chiaro quanto io sia eccitata dal Natale, ma cercherò di stare con i piedi per terra, in fondo mancano ancora 3 settimane.
Ma parliamo di un tenerissimo coniglietto pieno di sorprese…la trousse Bunny di Pupa, uno dei regali ricevuti da Simone per il nostro 7′ anniversario e che questa mattina ho subito provato.

20131202-100237.jpg
All’interno troviamo ombretti, gloss in crema, un blush rosa ed uno specchietto (carino ma decisamente inutile viste le dimensioni).

20131202-100245.jpg
Tra gli ombretti ho provato il grigio proposto in 3 tonalità, dal più chiaro al più scuro; il grigio scuro è leggermente glitterato e molto scrivente, ne basta pochissimo per ottenere un bellissimo effetto chiaro scuro, una volta sfumato con il pennellino.
Naturalmente per andare al lavoro alle 6 mattino non mi sembrava il caso di esagerare, così mi sono limitata a stendere il grigio scuro su tutta la palpebra mobile e nell’angolo esterno dell’occhio salendo verso le sopracciglia, per poi sfumare solo l’angolo interno dell’occhio con il grigio più chiaro.
Con la matita nera, sempre di Pupa, ho disegnato tutto il contorno dell’occhio sfumandola con l’apposito gommino e definendo solo l’angolo più esterno con l’eyeliner nero.

20131202-100355.jpg
Tanto mascara Pupa Vamp per un effetto ciglia finte; questo mascara mi ha lasciato davvero sorpresa, ciglia lunghissime e folte già dalla prima passata, se anche la durata mi lascerà soddisfatta potrei incoronare questo Pupa Vamp “mio mascara”.

20131202-100524.jpg
Blush rosa e gloss per completare la fase make-up, un paio di orecchini pendenti per dare un tocco di classe ed un profumo nuovo per dare il via a questa prima giornata di lavorativa di dicembre.
Ricordate la mia amica, quella che ogni volta che mi pensava si presentava con un vassoio di biscotti, rovinando i miei sforzi di mettermi a dieta?
Ecco, per risolvere il problema l’ho costretta a mettersi a dieta con me ed oggi possiamo dire che la prima settimana di dieta è riuscita senza sgarri; non potendo comprare biscotti, questa volta il suo pensiero si è trasformato in un profumo da aggiungere alla mia collezione: Midnight Poisondi Dior.

20131202-100638.jpg
Si tratta di un profumo ambrato, intenso e persistente, caldo e misterioso.
Si presenta in una splendida bottiglietta blu, la stessa di tutti i profumi della linea Poison di Dior.
Regalo azzeccatissimo e molto gradito, perfetto per la mia dieta; la mia nuova teoria sostiene che un profumo che riempie il cuore e le narici aiuta a non sgarrare, visto che copre il profumo di brioche e affini.
Ed ora via…il lavoro mi attende…buon lunedì a tutti!

20131202-100710.jpg

I magnifici 3: gli indispensabili

Lo ammetto, questa mattina ho poltrito.
Non è stata una cosa volontaria, semplicemente quando il suono della sveglia è giunto al mio orecchio…suonava già da 20 minuti.
Se mai qualcuno cercherà di convincervi che dopo un po’ ci si abitua ad alzarsi presto, beh sappiate che mente; io dopo 6 anni continuo a strisciare fuori dal letto imprecando contro il mondo intero.
Il processo di imprecazione mattutina ha una durata media di 10 minuti, seguito dal tentativo di infilare le lenti a contatto negli occhi, operazione che può richiedere dai 5 ai 10 minuti.
Fatto questo solitamente dispongo di una buona mezz’ora per lavarmi, vestirmi e truccarmi.
Purtroppo quando si è in ritardo il processo di imprecazione aumenta in durata ed intensità, mentre il tempo a disposizione per tutte le restanti fasi si riduce ai minimi termini.
Così questa mattina ho optato per i salva vita, ovvero i 3 elementi indispensabili che da soli bastano a farmi sentire “a posto”: un profumo, un rossetto ed un paio di orecchini.

20131126-081027.jpg
Se la giornata è iniziata con il piede sbagliato con 3 gocce di Chanel n. 5 tutto tornerà a girare per il verso giusto; sicuramente oggi non posso definirmi in fase “diva”, ma questo profumo ha il potere di infondere sicurezza, di farmi sentire piena di fascino anche nei giorni “no”.

20131126-080712.jpg
Il rossetto di oggi non può che essere rosso; credo esista una legge che impone labbra rosso fuoco quando una donna indossa Chanel n. 5.
La mia scelta ricade su Dior Addict n. 865, un rossetto che amo moltissimo e che utilizzo da qualche anno in diverse tonalità.

20131126-080743.jpg
Per quanto riguarda gli orecchini, trovo che questi pendenti super luccicanti siano perfetti con i capelli legati, danno luce al viso e mi fanno pensare che la plastica ben lavorata fa la sua porca figura.

20131126-080811.jpg
Alla fine di tutto mi restano a disposizione anche 3 minuti extra per permettermi il lusso di una riga veloce (naturalmente parlo di eyeliner) e di una passata di mascara…ed eccomi pronta!

20131126-080850.jpg
E voi, avete i vostri piccoli salvavita?

Bon Ton ma non fino in fondo

Questa mattina avevo voglia di calore.
Visto il freddo che mi attendeva fuori dalla porta e la pochissima voglia di prepararmi per andare al lavoro, ho capito che solo lui poteva darmi quella spinta necessaria ad affrontare la giornata: Hypnotic Poison.

20131123-103748.jpg
Al primo spruzzo il mio animo inizia a scaldarsi lentamente; al secondo sento la mia mente inebriarsi dal suo bouquet floreale, dalle sfumature di legno e sandalo che lo rendono unico.
Ancora non mi basta, oggi ho bisogno di qualcosa di più, così oso con una terza spruzzata di questo magico elisir, capace di regalare emozioni uniche, di quelle che senti nascere dal ventre e salire fino al cuore, quelle che riescono a farti sentire tutto un formicolio fino a lasciarti senza fiato; il suo cuore di vaniglia sprigiona tutta la sua carica e la sento inondare i mie pensieri.
Ecco, ora sono pronta.
Con questo profumo ci vuole un trucco adeguato, che sottolinei lo sguardo rendendolo deciso e sensuale, labbra piene e morbide, magari un fondotinta che renda la mia pelle perfetta e copra il pallore estremo e le occhiaie da mancanza di sonno…
Invece no, in netto contrasto con il profumo scelto, mi sentivo tanto “brava ragazza”.
Niente fondotinta, solo un po’ di crema idratante ed un velo di cipria trasparente, un po’ di blush rosa sugli zigomi, eyeliner e mascara in quantità sufficiente a rendere il mio sguardo sveglio e vitale ed il mio fedele Chubby Stick sulle labbra (nella versione Super Strawberry).
Hmm…manca ancora qualcosa…mi guardo intorno in cerca di quel tocco Bon Ton che ancora mi separa dal mio obiettivo e finalmente il mio sguardo si posa sulla mia adorata collezione di cerchietti.
Quella dei cerchietti è una passione che porto avanti da molti anni (ovvero da quando li ho sostituiti alle fasce per capelli della mia adolescenza).
Ne ho abbastanza da poterne cambiare uno al giorno per quasi un mese. Non ci credete? Eccovi una foto di una parte della mia collezione, sono più o meno la metà, quelli più belli e che utilizzo più spesso.

20131123-103831.jpg
Ma tra tutti il mio preferito è questo di Miu Miu, a fascia larga con mega fiocco laterale, di raso in uno splendido grigio tortora.

20131123-103857.jpg
Con questo gioiellino è stato amore a prima vista, senza contare la scatola rosa dove riporlo perché non si rovini.
È lui il prescelto.
Così eccomi pronta ad affrontare questo sabato freddo ed uggioso, ma con il cuore caldo, mi sento come uno di quei tortini al cioccolato, esteriormente sembrano innocui tortini ma l’interno è morbido e bollente…

20131123-103929.jpg
Buon fine settimana a tutti!

Cambio della guardia!

Questa mattina è davvero freddo; guardo i miei occhiali da sole (verde catrame, in perfetta armonia con il tema di novembre) e li saluto con un po’ di malinconia; le previsioni sono chiare: freddo e pioggia senza sosta ci accompagneranno fino a nuovo ordine.
Non sono tra coloro che indossano gli occhiali da sole tutto l’anno, così da oggi i mie Dior Glossy vanno in letargo…cambio della guardia!

20131119-084022.jpg
È giunta l’ora di tirare fuori dall’armadio la mia sciarpina di pelo (naturalmente sintetico), metterla attorno al collo e non toglierla mai più fino a primavera.

20131119-084056.jpg
In realtà era il collo di un vecchio cappotto che ho staccato ed uso, da diversi anni, come sciarpa; tiene caldo il collo e rende speciale anche il classico cardigan nero.
Da oggi sono ufficialmente pronta per l’inverno, almeno fino a quando non riuscirò a prendere fissa dimora a Miami, tra spiagge, palme, surfisti e coccodrilli…ma per ora mi devo rassegnare a passare un altro inverno freddo e carico di umidità.

20131119-084143.jpg

Dior, un amore senza fine

Sono quasi 7 anni che il mio cuore appartiene a Dior (senza offesa per il mio moroso), da quando nel lontano 2007, durante una seduta antistress in profumeria, fui rapita da una trousse di una bellezza sconvolgente: Diorissime di Christian Dior.
Si trattava di una palette composta da 4 ombretti e due gloss in crema, racchiusi in un cofanetto di pelle color rosa pastello, con una fibbia centrale a forma di D.
Devo essere rimasta almeno 10 minuti a guardarla completamente immobile, ne ero ammaliata.
Poi abbassai lo sguardo ed involontariamente notai il prezzo, 55€.
Sul cartellino del prezzo devo essere rimasta impietrita per almeno altri 5 minuti, continuando a litigare con me stessa. Non avevo mai speso tanto per una trousse prima di allora, ma non riuscivo assolutamente a pensare di lasciarla li, insomma era evidente che fosse stata creata appositamente per me, quindi dovevo assolutamente comprarla.
Pochi minuti più tardi ero fuori dalla profumeria con in mano quello che fu il mio primo acquisto firmato Dior.

20131030-142252.jpg
Naturalmente utilizzandone il contenuto, scoprii che Dior non fa solo cose belle ma anche di ottima qualità.
Da quel momento sono stata come stregata dal magico mondo di Dior, tanto da aver deciso di collezionare le varie trousse che escono circa due volte l’anno.
In realtà non me le compro mai da sola, ne ricevo regolarmente una per il mio compleanno che cade giusto in tempo per la versione primaverile, ed una per l’anniversario o per Natale.
Non mancano i rimproveri di mia sorella che spesso mi dice “Certo che se tu fossi un po’ più modesta collezioneresti francobolli, non trousse di Dior e profumi…” ma in fondo io non ho mai messo la modestia tra le doti che mi contraddistinguono.
Quest’anno, in occasione del mio compleanno, sono stati i miei amici del bar a regalarmi la meravigliosa Chèrie Bow, un’altra trousse tutta rosa che ricorda un marshmallow.

20131030-142305.jpg
Ma tra una trousse e l’altra mi tengo impegnata con tutto il resto della maison Dior, dal mascara alla matita occhi, dagli smalti ai rossetti; sono certa che se il sig. Dior fosse ancora tra noi verrebbe a stringermi la mano personalmente.
L’ultimo prodotto che ho avuto il piacere di provare è stato il “Diorshow Liner waterproof”, un eyeliner stylo, facile da utilizzare come una matita ed a lunga tenuta come il classico eyeliner con pennello.
Il colore è intenso e garantisce una perfetta tenuta fino a sera senza rischiare “l’effetto panda” dopo qualche ora.
Ammetto che qualche volta mi sono addormentata senza struccarmi (lo so, non si fa, ma la stanchezza a volte ha la meglio) ed il mattino seguente ero ancora perfettamente truccata.
Fino a poco tempo fa utilizzavo la versione di Chanel e posso affermare che vince quella di Dior sia in tenuta che in intensità; in questo caso Chanel ha la meglio sul design, lo stylo nero lucido è veramente bellissimo.
Un grazie alla mia amica Barbara che mi ha fatto dono di questo gioiellino indispensabile per il makeup occhi.
Della stessa linea utilizzo da diversi anni anche il mascara “Diorshow Iconic waterproof”, ma dei mascara parleremo in un secondo momento.

20131030-142709.jpg

Quando il profumo si sposa con l’anima

Vorrei parlare di quella che sicuramente è la più grande delle mie passioni: il profumo.
Ne ho un’intera collezione (e non parlo di mignon).
Ogni fragranza è legata ad uno specifico stato d’animo, ecco perché ogni mattina ne scelgo uno, a seconda l’umore, respiro a pieni polmoni per entrare in sintonia con la fragranza che mi accompagnerà fino a sera e mi lascio guidare da lei nella fase trucco e nella scelta dell’abbigliamento.
Ogni dettaglio deve rispecchiare come mi sento.
Se una mattina mi sveglio e mi sento una vera signorina la scelta ricadrà su Coco Mademoiselle, Hypnotic Poison di Dior è la fragranza giusta per la versione femme fatale (ammetto che ultimamente non mi sveglio spesso in questa veste), se il mio animo si sente bon ton non posso che assecondarlo con Miss Dior Cherie…e così via, spaziando per Alien di Thierry Mugler che accompagna la mia parte misteriosa, Flora di Gucci per la versione di me più frivola, Chanel n. 5 (non poteva mancare) per le rare volte in cui mi sento un’autentica Vamp e così via.
Dal profumo di una donna si possono capire molte cose del suo carattere, ad esempio chi è timido e caratterialmente debole, difficilmente opterà per una fragranza ambrata (o comunque decisa e speziata), così come le donne che esagerano e fanno letteralmente il bagno nel profumo, solitamente sono persone che cercano di apparire diverse da ció che realmente sono.
Noto oramai a chi mi conosce, il mio naso da segugio, solitamente annuso le persone e mi diverto ad indovinare che profumo indossano e soprattutto amo vedere la loro faccia quando indovino; in fondo sono accecata, senza lenti a contatto non vedo neanche i miei piedi, così la natura mi ha regalato in cambio un olfatto super sviluppato.
Certo, non posso conoscere ogni profumo in commercio, ma vanto comunque un’ottima cultura in tal senso.
Ho da poco deciso quale sarà il prossimo profumo ad entrare a far parte della mia collezione; dopo lunga ricerca ed infiniti test, si è aggiudicato il posto d’onore La vie est belle, di Lancôme, che con le sue note dolci ed il suo bouquet fiorito, senza dimenticare quel pizzico di Patchouli che si libera appena dopo qualche istante lasciando il posto, da vero gentleman, prima agli ingredienti più delicati, ha letteralmente conquistato le mie narici.
Credo che questa diverrà il profumo adatto a quelle mattine in cui mi sveglio bisognosa di un pensiero positivo per poter affrontare la giornata che mi si prospetta davanti.

20131029-144154.jpg