Un giorno speciale

Oggi è un giorno molto speciale per me, più importante di qualunque altra festività o ricorrenza.
Oggi, 1′ dicembre, io e Simone festeggiamo 7 anni insieme.
Lo so, il 7′ anno è il famigerato ‘anno della crisi’, ma io ho tranquillizzato Simone dicendogli “Non ti libererai mai di me”, il che potrebbe suonare come una minaccia, ma per me è semplicemente un dato di fatto.
Qualche tempo fa via avevo detto che mi era stato chiesto cosa volessi come regalo di anniversario; ero indecisa tra la valigetta di Esteè Lauder o la bellissima linea Princess di Pupa.
Alla fine mi sono decisa e la vincitrice è stata Pupa…non ho resistito a tutto quel rosa ❤
Ecco il mio regalo di anniversario:

20131201-103231.jpg
Tutto questo rosa e oro è quasi commovente! Per non parlare di questa trousse Bunny…un coniglietto rosa che ti vien voglia di accarezzare più che di utilizzarlo per il make up.
Gli smalti sono di Kiko; la linea Princess proponeva un meraviglioso smalto ‘effetto velluto’, tanto bello quanto incompatibile con una che ha sempre le mani in acqua.
Ora mi perdonerete la volgarità, ma credo di non potervi non descrivere la seguente scena:
Lara “Amore…la linea Princess…grazieeee”
Simone “Per la mia principessa.”
Lara “cazzo, questa linea è una figata!”
Simone “Si nota soprattutto dal linguaggio ricercato che sei una Princess.”
Come dargli torto!
Vi parlerò nei prossimi giorni di questi prodotti bellissimi.
Direi che questo dicembre inizia con un nuovo look ed una nuova collezione di makeup da provare, quindi in onore di questa Pupa Princess e di questo exploit di rosa…il colore di dicembre non puó che essere il rosa (che è anche il mio colore preferito), in tute le sue varianti, dal rosa pallido al fucsia.
Ed ora vi lascio con una foto di un po’ di tempo fa, io avevo i capelli castani con la frangetta in quel periodo.

20131201-103257.jpg
Purtroppo è una delle poche foto che ho in cui Simone non fa boccacce o facce assurde, quindi ho optato per questa foto di 3 anni fa piuttosto che una più recente dove il mio moroso si diverte a fare lo scemo.
Poco male, l’unica cosa cambiata in questi 3 anni sono i miei capelli!
Vi lascio anche la poesia che scrissi a Simone al nostro primo anniversario, dove parlo di come l’amore puó arrivare e travolgerti come mai avresti immaginato; oggi dopo 7 anni la sento ancora poi vera che mai.

-Simone-
Lo senti a volte avvicinarsi piano,
come il vento che passa e ti accarezza la mano.
Altre volte arriva e ti sorprende improvviso,
ti travolge e s’allontana, dura il tempo d’un sorriso.
Può aspettarti di nascosto dietro un volto mai pensato, può trovarti in ogni posto quando tu non l’hai cercato.
Due parole sembran tante quando quando a dirle è il tuo sorriso, ogni lacrima si infrange mentre cade sul tuo viso.

Dior, un amore senza fine

Sono quasi 7 anni che il mio cuore appartiene a Dior (senza offesa per il mio moroso), da quando nel lontano 2007, durante una seduta antistress in profumeria, fui rapita da una trousse di una bellezza sconvolgente: Diorissime di Christian Dior.
Si trattava di una palette composta da 4 ombretti e due gloss in crema, racchiusi in un cofanetto di pelle color rosa pastello, con una fibbia centrale a forma di D.
Devo essere rimasta almeno 10 minuti a guardarla completamente immobile, ne ero ammaliata.
Poi abbassai lo sguardo ed involontariamente notai il prezzo, 55€.
Sul cartellino del prezzo devo essere rimasta impietrita per almeno altri 5 minuti, continuando a litigare con me stessa. Non avevo mai speso tanto per una trousse prima di allora, ma non riuscivo assolutamente a pensare di lasciarla li, insomma era evidente che fosse stata creata appositamente per me, quindi dovevo assolutamente comprarla.
Pochi minuti più tardi ero fuori dalla profumeria con in mano quello che fu il mio primo acquisto firmato Dior.

20131030-142252.jpg
Naturalmente utilizzandone il contenuto, scoprii che Dior non fa solo cose belle ma anche di ottima qualità.
Da quel momento sono stata come stregata dal magico mondo di Dior, tanto da aver deciso di collezionare le varie trousse che escono circa due volte l’anno.
In realtà non me le compro mai da sola, ne ricevo regolarmente una per il mio compleanno che cade giusto in tempo per la versione primaverile, ed una per l’anniversario o per Natale.
Non mancano i rimproveri di mia sorella che spesso mi dice “Certo che se tu fossi un po’ più modesta collezioneresti francobolli, non trousse di Dior e profumi…” ma in fondo io non ho mai messo la modestia tra le doti che mi contraddistinguono.
Quest’anno, in occasione del mio compleanno, sono stati i miei amici del bar a regalarmi la meravigliosa Chèrie Bow, un’altra trousse tutta rosa che ricorda un marshmallow.

20131030-142305.jpg
Ma tra una trousse e l’altra mi tengo impegnata con tutto il resto della maison Dior, dal mascara alla matita occhi, dagli smalti ai rossetti; sono certa che se il sig. Dior fosse ancora tra noi verrebbe a stringermi la mano personalmente.
L’ultimo prodotto che ho avuto il piacere di provare è stato il “Diorshow Liner waterproof”, un eyeliner stylo, facile da utilizzare come una matita ed a lunga tenuta come il classico eyeliner con pennello.
Il colore è intenso e garantisce una perfetta tenuta fino a sera senza rischiare “l’effetto panda” dopo qualche ora.
Ammetto che qualche volta mi sono addormentata senza struccarmi (lo so, non si fa, ma la stanchezza a volte ha la meglio) ed il mattino seguente ero ancora perfettamente truccata.
Fino a poco tempo fa utilizzavo la versione di Chanel e posso affermare che vince quella di Dior sia in tenuta che in intensità; in questo caso Chanel ha la meglio sul design, lo stylo nero lucido è veramente bellissimo.
Un grazie alla mia amica Barbara che mi ha fatto dono di questo gioiellino indispensabile per il makeup occhi.
Della stessa linea utilizzo da diversi anni anche il mascara “Diorshow Iconic waterproof”, ma dei mascara parleremo in un secondo momento.

20131030-142709.jpg