Vi concio per le feste!

Non poteva mancare un post dedicato alla festa più attesa dell’anno, quella che segna la sua fine e ci regala un nuovo inizio tutto da scoprire, senza contare che è una festa che non ha età, religione ne schieramenti politici, insomma Capodanno è per tutti.
Io lo passerò a casa di amici, con le persone che mi hanno accompagnato per tutto il 2013 e che spero facciano parte della mia vita anche nel nuovo anno che si accinge ad iniziare.
Detto questo, vediamo come affrontare questa lunga notte con un look semplice ed efficace.
Ho scelto un abito di paillettes color argento scuro che voglio proporvi in due diversi contesti, cambiando gli accessori, per una versione very chic o più rock.

20131228-135003.jpg
L’abito Zara (69,95€), sarà la nostra base, ovvero l’elemento fisso per entrambe le varianti.
Vediamo come abbinarlo per una versione very chic:
-Cardigan nero con collo a scialle (H&M 19,90€)

20131228-135114.jpg

-Decoltè in pelle nera Fornarina, modello Pennylane, con tacco a stiletto e cinturino. Altezza 115 mm.
(118€)

20131228-135158.jpg

-Pochette Liu Jo modello Brigitte, nera con stampa effetto cocco (139€). Misure h. 21 cm x L. 39 cm
Qualunque pochette o borsa si voglia abbinare, è necessario che l’hardware sia color argento come il vestito; niente borse con hardware dorato.

20131228-135235.jpg

Ora che siamo vestite, pensiamo a trucco e parrucco.
Credo che in questa versione siano perfetti i capelli legati che lascino scoperto il viso e diano un’aria più sofisticata.
Qui vi mostro una pettinatura che ho creato su Katia, che mi ha gentilmente prestato la chioma, visto che i miei capelli al momento non arrivano a sfiorare le spalle.
Per realizzarla vi basterà raccogliere i capelli in una coda bassa laterale e dividerli in due ciocche che poi andrete ad accavallare e fermerete al centro con un paio di forcine.
A questo punto create due trecce e portatele verso l’alto aiutandovi con delle forcine per bloccarle in cima alla nuca.

20131228-135415.jpg

20131228-135427.jpg

Dal momento che stiamo già indossando un vestito piuttosto appariscente, vi consiglio di non “appesantire” il tutto con troppi fronzoli, quindi l’ideale sarebbe un paio di orecchini piccoli e luminosi, come due semplici brillanti bianchi che daranno luce al viso senza dare troppo nell’occhio.
Per quanto riguarda il trucco, ecco cosa vi occorrerà: BB cream, correttore in crema, cipria trasparente, blush rosa o pesca, un ombretto color argento, eyeliner nero, mascara, gloss rosa.
La BB cream è la scelta migliore, vi darà un effetto naturale e vi assicurerà la giusta idratazione per tutta la notte. Il correttore in crema (io utilizzo quello di Kiko che ha davvero un’ottima copertura) può essere utilizzato anche come primer occhi stendendolo su tutta la palpebra fino alle sopracciglia.
Stendere l’ombretto color argento su tutta la palpebra superiore e procedere con l’eyeliner, creando una riga sottile leggermente più spessa verso l’angolo esterno dell’occhio dove andremo a creare una piccola coda allungata.
Utilizzare l’ombretto argentato con il pennello bagnato lungo tutto la palpebra inferiore.
Per evitare di trasformarvi in un panda durante la nottata, utilizzate un mascara waterproof e passatelo abbondantemente per un effetto ciglia finte.

20131228-135646.jpg

Tenete in borsa la cipria trasparente ed il gloss per i ritocchi durante la serata.
Dimenticavo: per un tocco di colore, un bel rosa acceso sulle unghie, come questo Rosy bow di Dior (Dior Vernis n. 355).

20131228-141925.jpg

Ora che abbiamo creato un look very chic, ripartiamo da zero per una versione più rock.
Questa volta al l’abito di paillettes Zara, abbiniamo un chiodo di pelle nera, corto con borchie a piacere, come questo, sempre di Zara (79,95€) in eco pelle con cerniere.

20131228-140011.jpg

Con le scarpe possiamo sbizzarrirci con stivaletti bassi od anfibi.
Bellissimi questi boots di pelle nera con cinghie di Twin-Set.
In questo caso il calzettino nero si potrebbe sostituire con uno color argento.

20131228-140116.jpg

La borsa da abbinare? Va bene, siamo in versione rock, ma non dimentichiamo che non stiamo andando ad un raduno di motociclisti (se così fosse, bhe avete libertà assoluta), ma ad una festa di capodanno, quindi la borsa deve avere personalità senza rinunciare ad un tocco di femminilità.
Vi propongo questa borsa a cartella di Liu Jo, modello Giada (259€)

20131228-140142.jpg

Ed eccoci alla fase finale che comprende trucco e capelli.
Assolutamente capelli sciolti, lisci o ricci non importa, ma sono categoricamente vietati i boccoli da bambolina.
Se si vuole optare per i capelli ricci, le onde devono essere selvagge, quasi spettinate, niente pettinature da brava ragazza.
Con i capelli sciolti potete mettere un paio di orecchini pendenti; anche in questo caso un divieto assoluto: niente cuori o fiocchi o similari (per quanto siano la mia passione), ricordiamoci che abbiamo scelto di essere bambine cattive del rock, non bimbeminkia, quindi potremmo optare per un paio di orecchini di questo tipo:

20131228-140312.jpg

Per quanto riguarda il trucco, basterà una piccola variazione a quello proposto per la versione chic, sottolineando lo sguardo con la matita nera lungo la palpebra inferiore e nella rima interna dell’occhio e sostituendo il gloss rosa con un rossetto rosso.

20131228-140229.jpg

Le unghie? Rossissime, tranne l’anulare, su cui potremmo utilizzare uno smalto color argento o glitterato, come questi di L’Oreal che trovo meravigliosi.

20131228-140340.jpg

Per entrambe le versioni il profumo è solo uno: Hypnotic Poison di Dior, caldo e passionale è l’ideale per la notte più lunga dell’anno!

Fatemi sapere cosa ne pensate o magari cosa cambiaste…

Advertisements

Dior, un amore senza fine

Sono quasi 7 anni che il mio cuore appartiene a Dior (senza offesa per il mio moroso), da quando nel lontano 2007, durante una seduta antistress in profumeria, fui rapita da una trousse di una bellezza sconvolgente: Diorissime di Christian Dior.
Si trattava di una palette composta da 4 ombretti e due gloss in crema, racchiusi in un cofanetto di pelle color rosa pastello, con una fibbia centrale a forma di D.
Devo essere rimasta almeno 10 minuti a guardarla completamente immobile, ne ero ammaliata.
Poi abbassai lo sguardo ed involontariamente notai il prezzo, 55€.
Sul cartellino del prezzo devo essere rimasta impietrita per almeno altri 5 minuti, continuando a litigare con me stessa. Non avevo mai speso tanto per una trousse prima di allora, ma non riuscivo assolutamente a pensare di lasciarla li, insomma era evidente che fosse stata creata appositamente per me, quindi dovevo assolutamente comprarla.
Pochi minuti più tardi ero fuori dalla profumeria con in mano quello che fu il mio primo acquisto firmato Dior.

20131030-142252.jpg
Naturalmente utilizzandone il contenuto, scoprii che Dior non fa solo cose belle ma anche di ottima qualità.
Da quel momento sono stata come stregata dal magico mondo di Dior, tanto da aver deciso di collezionare le varie trousse che escono circa due volte l’anno.
In realtà non me le compro mai da sola, ne ricevo regolarmente una per il mio compleanno che cade giusto in tempo per la versione primaverile, ed una per l’anniversario o per Natale.
Non mancano i rimproveri di mia sorella che spesso mi dice “Certo che se tu fossi un po’ più modesta collezioneresti francobolli, non trousse di Dior e profumi…” ma in fondo io non ho mai messo la modestia tra le doti che mi contraddistinguono.
Quest’anno, in occasione del mio compleanno, sono stati i miei amici del bar a regalarmi la meravigliosa Chèrie Bow, un’altra trousse tutta rosa che ricorda un marshmallow.

20131030-142305.jpg
Ma tra una trousse e l’altra mi tengo impegnata con tutto il resto della maison Dior, dal mascara alla matita occhi, dagli smalti ai rossetti; sono certa che se il sig. Dior fosse ancora tra noi verrebbe a stringermi la mano personalmente.
L’ultimo prodotto che ho avuto il piacere di provare è stato il “Diorshow Liner waterproof”, un eyeliner stylo, facile da utilizzare come una matita ed a lunga tenuta come il classico eyeliner con pennello.
Il colore è intenso e garantisce una perfetta tenuta fino a sera senza rischiare “l’effetto panda” dopo qualche ora.
Ammetto che qualche volta mi sono addormentata senza struccarmi (lo so, non si fa, ma la stanchezza a volte ha la meglio) ed il mattino seguente ero ancora perfettamente truccata.
Fino a poco tempo fa utilizzavo la versione di Chanel e posso affermare che vince quella di Dior sia in tenuta che in intensità; in questo caso Chanel ha la meglio sul design, lo stylo nero lucido è veramente bellissimo.
Un grazie alla mia amica Barbara che mi ha fatto dono di questo gioiellino indispensabile per il makeup occhi.
Della stessa linea utilizzo da diversi anni anche il mascara “Diorshow Iconic waterproof”, ma dei mascara parleremo in un secondo momento.

20131030-142709.jpg