PUNTI DI VISTA: come smettere di arrabbiarsi

Avete un appuntamento importante, un colloquio di lavoro ad esempio.
Passate un’ora a prepararvi, volete essere perfette, avere assolutamente bisogno di fare bella figura.
Uscite di casa con un abitino corto ma non troppo, una scollatura che lascia intravvedere quando basta, un trucco che valorizzi al massimo il vostro viso ed un paio di scarpe nuovissime, modello Prada tacco 10, pagate 14.90€ in un bazar cinese.
Salite in macchina e durante il tragitto pensate “Sono proprio in forma, non posso non ottenere quel posto”, il tutto passando il tempo a rimirarvi nello specchietto retrovisore anziché guardare la strada.
Parcheggiate e vi dirigete a grandi passi verso il luogo di destinazione finale.
Vi specchiate su ogni superficie capiti lungo il vostro cammino e con orgoglio vi ripetete quanto siano belle quelle scarpe, un vero affare, le avete pagate un decimo rispetto a quelle originali eppure sono perfette, non hanno nulla da invidiare ad un paio di Prada originali.
Questo è momento perfetto perché la maledizione di Miuccia Prada colpisca, ora che siete a 5 minuti dal punto in cui avete parcheggiato la macchina ed allo stesso tempo a 5 minuti dalla vostra destinazione finale.
Un tacco si rompe all’improvviso e voi precipitate verso terra ad una velocità di 9,81 m/s…prima che possiate rendervene conto il 70% del vostro corpo è a stretto contatto con l’asfalto, il coccige dolorante e i gomiti completamente scorticati.
Vi alzate e tentare di riprendere una posizione eretta, ma il dislivello tra il tacco integro e quello rotto non ve lo permette: 10 cm di differenza possono non essere facili da gestire.
Siete arrabbiare, anzi furiose, vi vergognate per la figuraccia appena fatta e vi sentite delle vere idiote per aver comprato quelle stupide scarpe che si sono rotte alla prima volta che le avete indossate.
Nell’ordine ve la prendete prima con voi stesse, poi con il destino beffardo, per concludere con una scenata razzista verso tutto il popolo cinese e le loro paccotiglie da due soldi!
Cambio di scena:
Siete tranquillamente in giro per le vie del centro, avete un pomeriggio libero ed avete deciso di fare un giro per vetrine; un po’ di sano shopping non guasta mai!
Visto che dovete camminare per tutto il pomeriggio vi siete vestite comode: jeans, maglietta di cotone e le vostre care vecchie ballerine, così poco sexy eppure così comode; le avete acquistate in saldo a 49.00€, sembrava tanto comunque per un paio di ballerine semplicissime, ma ne è valsa la pena, le avete da 3 anni e sono ancora perfette…senza considerare che sono Made in Italy!
La vostra attenzione viene catturata da una ragazza che vi passa proprio a fianco, vestita di tutto punto, non un capello fuori posto e con indosso un paio di costosissime scarpe di Prada con 10 cm di tacco.
“Ammazza questa, ma dove deve andare così tirata!”
Per un attimo un pizzico di invidia vi ha sfiorato, una ragazza così fighetta deve essere la classica figlia di papà, con una vita perfetta, un conto in banca da far impallidire la regina Elisabetta e mille uomini che sognano di averla anche solo per una notte.
Voi non sarete mai così, le fortune capitano sempre agli altri…
All’improvviso vedete la leggiadra creatura stramazzare al suolo per colpa di un tacco che si stacca letteralmente dalla scarpa.
Non immaginavate che scarpe così costose fossero fatte con materiali così scadenti!
Assistete all’intera scena, vedete la ragazza cercare di alzarsi con un’evidente smorfia di dolore misto imbarazzo, la osservate mentre borbotta tra se e se chissà quali improperi verso il destino per finire con insulti razzisti verso la popolazione cinese di cui non comprendete la ragione.
Non riuscite a trattenervi e scoppiate a ridere a crepapelle, continuando a ridere durante l’intero pomeriggio ogni volta che ripensate alla scena.
Più tardi raccontate alle vostre amiche l’accaduto per finire in bellezza con una bella risata di gruppo.

La morale? Semplice, quando vi accade qualcosa di brutto, che vi fa arrabbiare, che vi rovina la giornata, che vi logora dentro, provate a guardare l’accaduto con gli occhi di un estraneo, fate finta che sia successo ad un altro e non a voi.
Se siete la ragazza vittima di un tacco rotto, guardatevi con gli occhi di colei che assiste per caso al tutto…tornerete alla vostra macchina zoppicando e ridendo di voi stessi, perché ogni situazione ha sempre un lato comico quando succede agli altri!

Advertisements

Vi concio per le feste!

Non poteva mancare un post dedicato alla festa più attesa dell’anno, quella che segna la sua fine e ci regala un nuovo inizio tutto da scoprire, senza contare che è una festa che non ha età, religione ne schieramenti politici, insomma Capodanno è per tutti.
Io lo passerò a casa di amici, con le persone che mi hanno accompagnato per tutto il 2013 e che spero facciano parte della mia vita anche nel nuovo anno che si accinge ad iniziare.
Detto questo, vediamo come affrontare questa lunga notte con un look semplice ed efficace.
Ho scelto un abito di paillettes color argento scuro che voglio proporvi in due diversi contesti, cambiando gli accessori, per una versione very chic o più rock.

20131228-135003.jpg
L’abito Zara (69,95€), sarà la nostra base, ovvero l’elemento fisso per entrambe le varianti.
Vediamo come abbinarlo per una versione very chic:
-Cardigan nero con collo a scialle (H&M 19,90€)

20131228-135114.jpg

-Decoltè in pelle nera Fornarina, modello Pennylane, con tacco a stiletto e cinturino. Altezza 115 mm.
(118€)

20131228-135158.jpg

-Pochette Liu Jo modello Brigitte, nera con stampa effetto cocco (139€). Misure h. 21 cm x L. 39 cm
Qualunque pochette o borsa si voglia abbinare, è necessario che l’hardware sia color argento come il vestito; niente borse con hardware dorato.

20131228-135235.jpg

Ora che siamo vestite, pensiamo a trucco e parrucco.
Credo che in questa versione siano perfetti i capelli legati che lascino scoperto il viso e diano un’aria più sofisticata.
Qui vi mostro una pettinatura che ho creato su Katia, che mi ha gentilmente prestato la chioma, visto che i miei capelli al momento non arrivano a sfiorare le spalle.
Per realizzarla vi basterà raccogliere i capelli in una coda bassa laterale e dividerli in due ciocche che poi andrete ad accavallare e fermerete al centro con un paio di forcine.
A questo punto create due trecce e portatele verso l’alto aiutandovi con delle forcine per bloccarle in cima alla nuca.

20131228-135415.jpg

20131228-135427.jpg

Dal momento che stiamo già indossando un vestito piuttosto appariscente, vi consiglio di non “appesantire” il tutto con troppi fronzoli, quindi l’ideale sarebbe un paio di orecchini piccoli e luminosi, come due semplici brillanti bianchi che daranno luce al viso senza dare troppo nell’occhio.
Per quanto riguarda il trucco, ecco cosa vi occorrerà: BB cream, correttore in crema, cipria trasparente, blush rosa o pesca, un ombretto color argento, eyeliner nero, mascara, gloss rosa.
La BB cream è la scelta migliore, vi darà un effetto naturale e vi assicurerà la giusta idratazione per tutta la notte. Il correttore in crema (io utilizzo quello di Kiko che ha davvero un’ottima copertura) può essere utilizzato anche come primer occhi stendendolo su tutta la palpebra fino alle sopracciglia.
Stendere l’ombretto color argento su tutta la palpebra superiore e procedere con l’eyeliner, creando una riga sottile leggermente più spessa verso l’angolo esterno dell’occhio dove andremo a creare una piccola coda allungata.
Utilizzare l’ombretto argentato con il pennello bagnato lungo tutto la palpebra inferiore.
Per evitare di trasformarvi in un panda durante la nottata, utilizzate un mascara waterproof e passatelo abbondantemente per un effetto ciglia finte.

20131228-135646.jpg

Tenete in borsa la cipria trasparente ed il gloss per i ritocchi durante la serata.
Dimenticavo: per un tocco di colore, un bel rosa acceso sulle unghie, come questo Rosy bow di Dior (Dior Vernis n. 355).

20131228-141925.jpg

Ora che abbiamo creato un look very chic, ripartiamo da zero per una versione più rock.
Questa volta al l’abito di paillettes Zara, abbiniamo un chiodo di pelle nera, corto con borchie a piacere, come questo, sempre di Zara (79,95€) in eco pelle con cerniere.

20131228-140011.jpg

Con le scarpe possiamo sbizzarrirci con stivaletti bassi od anfibi.
Bellissimi questi boots di pelle nera con cinghie di Twin-Set.
In questo caso il calzettino nero si potrebbe sostituire con uno color argento.

20131228-140116.jpg

La borsa da abbinare? Va bene, siamo in versione rock, ma non dimentichiamo che non stiamo andando ad un raduno di motociclisti (se così fosse, bhe avete libertà assoluta), ma ad una festa di capodanno, quindi la borsa deve avere personalità senza rinunciare ad un tocco di femminilità.
Vi propongo questa borsa a cartella di Liu Jo, modello Giada (259€)

20131228-140142.jpg

Ed eccoci alla fase finale che comprende trucco e capelli.
Assolutamente capelli sciolti, lisci o ricci non importa, ma sono categoricamente vietati i boccoli da bambolina.
Se si vuole optare per i capelli ricci, le onde devono essere selvagge, quasi spettinate, niente pettinature da brava ragazza.
Con i capelli sciolti potete mettere un paio di orecchini pendenti; anche in questo caso un divieto assoluto: niente cuori o fiocchi o similari (per quanto siano la mia passione), ricordiamoci che abbiamo scelto di essere bambine cattive del rock, non bimbeminkia, quindi potremmo optare per un paio di orecchini di questo tipo:

20131228-140312.jpg

Per quanto riguarda il trucco, basterà una piccola variazione a quello proposto per la versione chic, sottolineando lo sguardo con la matita nera lungo la palpebra inferiore e nella rima interna dell’occhio e sostituendo il gloss rosa con un rossetto rosso.

20131228-140229.jpg

Le unghie? Rossissime, tranne l’anulare, su cui potremmo utilizzare uno smalto color argento o glitterato, come questi di L’Oreal che trovo meravigliosi.

20131228-140340.jpg

Per entrambe le versioni il profumo è solo uno: Hypnotic Poison di Dior, caldo e passionale è l’ideale per la notte più lunga dell’anno!

Fatemi sapere cosa ne pensate o magari cosa cambiaste…