Cambio di stagione? No problem

Bisogna ammetterlo, l’autunno ha sempre un certo fascino, è come una ninna nanna che accompagna il mondo al lungo sonno invernale.
Personalmente non sono un’amante della stagione fredda, vorrei vivere in una lunga e tiepida primavera, tra il cinguettio dei passerotti e le quintalate di crema autoabbronzante da utilizzare nel tentativo di far sembrare le gambe meno bianche…
Niente da fare, è giunto il momento di tirare fuori il piumino e di iniziare a cercare almeno due guanti dello stesso colore tra la mucchia di reduci spaiati dallo scorso inverno.
Inutile, bisogna farsene una ragione, il freddo, quello vero, tornerà presto a tiranneggiare e bisognerà correre ai ripari per non ritrovarsi con le labbra screpolate o con la pelle ruvida e secca.
Il primissimo problema che si presenta con l’arrivo della nuova stagione e che accomuna milioni di individui è sicuramente l’incontrollabile caduta dei capelli; un grande classico che ogni anno si ripresenta puntuale come il conguaglio sulla bolletta del gas prima di Natale.
Certo, è solo una fase passeggera, la natura che fa il suo corso, basta avere pazienza e tutto tornerà nella norma…forse, ma ogni volta continuo a spaventarmi, ogni anno che passa ne cadono sempre di più e l’ultima cosa che vorrei ritrovarmi a fare è dover seguire un’asta su eBay nel tentativo di aggiudicarmi un tupé stile gatto morto da mettermi sulla testa.
Allora che fare? Le opzioni sono due: potete provare a frizionare la cute con il super attack per frenare in modo definitivo la caduta dei capelli, oppure potete assumere degli integratori che aiutino il vostro organismo a cessare ogni tentativo di autodistruzione nei vostri confronti.
Io personalmente ho optato per la seconda scelta e devo ammettere che da circa 2 anni vivo piuttosto serenamente i cambi di stagione.
Gli integratore che voglio consigliarvi sono due: il Biomineral One Plus (che potete trovare in tutte le farmacie e parafarmacie) e il Trico-Force Keratina di Collistar (venduto in profumeria).
Entrambi gli integratori vanno assunti per via orale, 1 compressa al giorno al mattino accompagnata da un abbondante bicchiere di acqua, per almeno due mesi.
Ma vediamo più nel dettaglio i singoli integratori.

– BIOMINERAL ONE PLUS: incollo la descrizione fornita dalla casa produttrice:

IMG_2352.JPG

“BIOMINERAL One con Lactocapil Plus agisce in modo innovativo fornendo dall’interno dell’organismo sostanze attive sia sul bulbo pilifero, per ritardare la caduta dei capelli, sia sul fusto, per donare forza e vitalità ai capelli.
La sua formulazione è arricchita con Lactocapil Plus un complesso costituito da proteine del latte – che stimolano l’attività della papilla dermica, prolungano la fase anangen e ritardano la caduta – da Metionina, indispensabile per la sintesi della Cheratina e Vitamina E ad azione antiossidante.
Biomineral One con Lactocapil Plus contiene inoltre taurina, che stimola l’attività del bulbo pilifero, aminoacidi (leucina, prolina, glicina) che agiscono sulla sintesi delle cheratine del capello, olio di semi di lino che completa l’azione anticaduta, agendo sulla 5-alfa reduttasi.
La biotina contribuisce al normale metabolismo energetico e al mantenimento di capelli normali.”

INGREDIENTI:
Lactocapil Plus[proteine del siero del latte, N-acetil glucosamina(Origine: crostacei), L-Metionina, Vitamina E naturale]; stabilizzanti: Cellulosa microcristallina, Polivinilpirrolidone,; Antiagglomeranti: Mono e digliceridi degli acidi grassi, Biossido di silicio, Magnesio stearico, Acido Stearico, Olio di semi di Cartamo(Carthamus tinctorius L.) titolato al 40% in acido linoleico, Glicina, L-Leucina; Taurina; Agenti di Rivestimento: Idrossipropilmetilcellulosa; Gommalacca; Aromi; Colorante: Biossido di titanio (E171); Colecalciferolo(Vitamina D); Biotina.

LA MIA ESPERIENZA PERSONALE:
Con questo integratore ho ottenuto risultati strepitosi che non avrei mai nemmeno osato pensare. Ho iniziato ad assumerlo, sotto consiglio di un’amica a cui era stato prescritto dal dermatologo, in un momento in cui ero davvero spaventata dalla quantità di capelli che continuavo a perdere, ne trovavo ovunque in giro per casa, nel lavandino, mi restavano tra le mani a ciocche ogni volt che mi pettinavo. Con l’assunzione del Biomineral la caduta si è praticamente arrestata dopo soli 10 giorni di utilizzo e nei due mesi successivi non solo si vedevano chiaramente i capelli ricrescere dove prima si erano diradati, ma avevano anche assunto più corpo e volume, erano più lucidi e più forti. Davvero un miracolo, soprattutto detto da una che se non vede non crede (parlando di cose terrene si intende).

– TRICO-FORCE KERATINA COLLISTAR:
da descrizione della profumeria

IMG_2351.JPG

“Integratore specifico a base di Cheratina Bio-Attiva, Minerali e Vitamine per contrastare la caduta e mantenere i capelli sani, luminosi e vitali.

Azioni:
– stimola la sintesi della cheratina, protegge l’integrità della fibra capillare e ne aumenta la resistenza.
– rende i capelli più folti e vigorosi
– nutre e rinforza anche le unghie

Modo d’uso
1 compressa al giorno, da assumere con un bicchiere d’acquapreferibilmente al mattino.
Per quanto tempo: Si consiglia un ciclo di almeno 2 mesi, ripetibile durante l’anno
Per una doppia efficacia anticaduta: Si raccomanda di affiancare l’assunzione dell’integratore con l’utilizzo dei prodotti anticaduta donna e uomo Collistar.”

LA MIA ESPERIENZA PERSONALE:
questo prodotto mie è stato inviato da Collistar in omaggio, non lo conoscevo prima ma dopo averlo provato mi sento di consigliarlo a tutti. Mi sono state inviate due confezioni, per un totale di 60 compresse, quanto basta per un ciclo di due mesi. Questo graditissimo omaggio è arrivato a primavera, giusto in tempo per il cambio stagione; ero già pronta ad acquistare il mio amato BIOMINERAL, ma quando ho visto questi integratori non ho potuto fare a meno di provarli subito.
Gli effetti iniziali sono stati ottimi, come con il BIOMINERAL la caduta dei capelli si è arrestata nel giro di pochi giorni, ma la cosa più sorprendente è stata la velocità di crescita dei capelli, più che raddoppiata.
Insomma nei due mesi di trattamento ho guadagnato almeno 4 cm in lunghezza e capelli sani, corposi e più facili da tenere in piega.
Non ho mai ringraziato abbastanza Collistar per l’omaggio, ma sopratutto per i benefici che si sono mantenuti nel tempo.

Di seguito potete vedere le foto che testimoniano la preoccupante caduta di capelli di cui soggetta nei cambi di stagione ed il risultato dopo soli 10 giorni di trattamento.

IMG_2355.JPG

IMG_2356.JPG

Il prezzo per entrambi gli integratori si aggira intorno ai 20€ per 30 compresse, un prezzo davvero irrisorio se pensate ai risultati che poterete ottenere grazie a questi piccoli miracoli firmato compressa.

Un po’ di scuse e qualche presentazione

Credo di dover chiedere scusa per le mie apparizioni sempre più sporadiche, mi hanno detto che a medjugorje la Madonna appare più spesso di quanto io riesca a fare sul mio blog.
Ho diverse cose da sistemare, di cui spero di poter parlare al più presto, ma per ora mi limito a chiedere scusa a tutti voi ed a Collistar, che mi ha inviato diversi prodotti su cui non ho ancora speso una parola, ma li ho testati tutti e prestissimo vi prometto un post tutto dedicato a Collistar.
Quindi signori e signore, un po’ di pazienza, non appena avrò finito di riordinare la mia vita avrò tantissime novità da condividere con voi…ma per ora vi lascio con una serie di foto, che vi faranno conoscere tutti i mostri con cui divido ben 42 mq di appartamento.

Ecco a voi Jenna e Rocco, due mostri nullafacenti, imbattibili nel dormire e nel perdere pelo su qualunque cosa si trovi tra le mura domestiche, compresi gli abitanti.

20140716-194826.jpg

Altre scene cariche di amore felino

20140716-195025.jpg

20140716-195117.jpg

Come potete notare sono gatti estremamente attivi.

20140716-195206.jpg

Qui introduciamo il terzo mostro di casa, il mio moroso, che per adattamento all’ambiente si sta felinizzando.

20140716-195338.jpg

Una volta finito il pisolino scatta il momento della merenda. Naturalmente nessun animale è stato maltrattato od ingurgitato per scattare queste immagini. La gatta è stata salvata cibando il mio moroso con un bicchiere di latte e biscotti.

20140716-195650.jpg

E per finire…un abbraccio di gruppo.

20140716-195623.jpg

Una saluto da tutti gli abitanti di questo minuscolo spazio vitale!

Pace fatta con Collistar

Credo sia quanto meno doveroso da parte mia raccontarvi quello che considero un lieto fine di una vicenda che ho ampiamente discusso sul mio Blog.
Come ormai saprete qualche mese fa ho avuto una brutta esperienza in seguito all’utilizzo della CCcream di collistar, cosa che mi ha portato a tagliare i capelli di circa mezzo metro, con mia estrema disperazione.
L’utilizzo di questa maschera è facile ed il risultato veramente bello se utilizzata tono su tono, ma in caso di capelli chiari o bianchi è probabile che vi ritroviate con un effetto manga, come nel mio caso con meches violacee.
Ciò che mi lasciava perplessa era l’assenza di indicazioni riguardo a questa possibilità, insomma un pasticcio può capitare ma un individuo deve essere consapevole dell’eventualità che possa succedere un disastro e scegliere di procedere o meno.
Scrissi al supporto clienti Collistar e ricevetti un’esauriente risposta tecnica sul funzionamento di questa maschera miracolosa ma in pratica si sottolineava che il prodotto funziona perché prima di essere messo in commercio era stato testato e se qualcosa era andato storto sarebbe stato sufficiente qualche lavaggio per cancellare tutto.
Purtroppo non fu così e la mia delusione verso un’azienda che avevo sempre ritenuta ottima fu enorme.
Da anni utilizzavo diversi prodotti di Collistar, soprattutto i trattamenti corpo che ritengo tra i migliori in commercio, ma dal mio punto di vista la cura verso i clienti è importante tanto quanto la qualità dei prodotti.
Con mia enorme sorpresa la scorsa settimana ho ricevuto una email da Collistar, dove mi veniva richiesto un recapito telefonico per poter essere contatta e parlare direttamente con una responsabile.
Qualche giorno più tardi ricevo la telefonata da Anna Lisa Marcioni, signora dotata di una gentilezza disarmante e di grande simpatia, che si occupa di pubbliche relazioni per conto di Collistar.
La prima cosa che mi sento dire è “le chiediamo scusa per quanto accaduto.”, una frase che può rimarginare molte ferite, perché spesso le persone si preoccupano di trovare una giustificazione agli errori senza pensare che chi si sente in qualche modo ferito o danneggiato, non vuole una giustificazione, ciò di cui ha bisogno è di sentire che il “responsabile” è dispiaciuto tanto quanto lui.
Dopo le scuse ed uno scambio di opinioni sul prodotto accusato del disastro, siamo passate a chiacchiere meno formali ed infine la signora Marcioni mi comunica che Collistar vorrebbe in qualche modo rimediare all’accaduto e mi offrono un paio di trattamenti presso il salone Aldo Coppola della mia città.
“Una coccola per i miei capelli”, così ha definito questo dono; sono consapevole che questo non mi restituirà la mia lunga chioma, aspetterò con pazienza che ricrescano, ma di sicuro è stato un bel gesto da parte di Collistar che apprezzo molto.
Per ciò che mi concerne, credo di poter dire che io e Collistar abbiamo finalmente fatto pace, tolto il blocco verso l’acquisto di prodotti di questa azienda, potrò reinserirla nel posto che si era guadagnata nel corso degli anni prima di questo spiacevole inconveniente.

Il mio look tutto nuovo: un taglio estremo

L’ho fatto.
Quando Tina, la mia parrucchiera, ha domandato “Allora sei sicura…taglio?”
Ho dovuto respirare a fondo e chiamare a raccolta tutto il mio coraggio per risponde “Taglia”.
Ho visto una massa di capelli cadere disordinatamente sul pavimento ed una sensazione di gelo improvviso dietro il collo.

20131130-081339.jpg
È fatta, indietro non si torna.
Per togliere il colore indefinibile assunto dai miei capelli dopo l’applicazione della CC cream, è stata necessaria una decolorazione, che non si è comunque rivelata sufficiente ad eliminare completamente il riflesso paglierino del color nocciola.
Dopo la fase colore è giunto il momento di completare il taglio…così ecco un’altra massa di capelli abbandonare la mia testa per spargersi sul pavimento.
Mi osservo allo specchio con il cuore in gola, sono entrata con una lunga chioma fluente ed ora mi appresto ad uscire con un caschetto corto sfilato dietro.
Uno shock a cui dovrò abituarmi.
Tina è una maga del taglio e solo lei ha il permesso di toccare i miei capelli con un paio di forbici in mano, so di poter contare su di lei perché non mi ha mai deluso…ma abituarsi ad un cambiamento così radicale è veramente dura.
A tutte coloro che vivono a Ravenna consiglio vivamente di affidarsi all’esperienza ed alla maestria di questa ragazza che da quasi 6 anni è la mia parrucchiera di fiducia e che posso solo ringraziare.

20131130-081412.jpg
Ed ora…vi presento il mio nuovo look!

20131130-081447.jpg
Che ne pensate?

Ahhhhhhhhh! Ho i capelli viola!

Credo che dal titolo del post sia già chiara la tragicità della situazione.
Giuro che il mio intento non era certo quello di ritrovarmi con i capelli in perfetto stile manga.
Ma partiamo dall’inizio, ovvero l’istante in cui l’idea prende forma nella mia mente: due giorni fa, dopo essermi sentita ripetere a lungo da più persone che avrei dovuto rifarmi lo shatush perché mi stava benissimo, mi decido “perché no…ma nulla di definitivo, insomma a me piace la mia chioma bionda…”
Decido di utilizzare la CC cream di collistar color nocciola, che avevo già utilizzato in passato per scurire leggermente i capelli sotto ed il risultato mi aveva lasciato più che soddisfatta.
In fondo questa maschera dura circa 6 lavaggi, tra 3 settimane al massimo tornerò bionda…
Ieri pomeriggio ho giocato alla “piccola parrucchiera” ed armata di CC cream e di pettine ho iniziato mettendo abbondante prodotto dalle radici, stendendolo poi fino a circa metà della lunghezza con l’aiuto del pettine.
15 minuti di posa, come indicato sulla confezione, per poi passare alla fase risciacquo; non è necessario rilavare i capelli, una volta sciacquata la maschera (ovvero quando l’acqua risulta pulita), si è pronti per la piega.
Con i capelli bagnati non sembrava esserci nulla di anomalo, più scuri alla radice schiarendosi man mano sulle lunghezze fino alle punte biondo chiaro.
Mi sono anche complimentata con me stessa “Brava Lara, guarda che bel lavoro che hai fatto! Perché spendere soldi dalla parrucchiera quando è così facile…”
Una volta asciutti…il panico!
“Oh mio Dio…ho le meches viola…anzi lilla….”
Insomma, si può notare una certa differenza tra lo shatush eseguito ad arte dalla mia parrucchiera ed il pasticcio terribile che mi sono auto inflitta.

Qui potete vedere il capolavoro della mia parrucchiera, prima che decidessi di passare ad una chioma completamente bionda:

20131128-075555.jpg

E questo è il risultato del mio esperimento miseramente fallito (le ciocche sono molto più viola rispetto alla foto, ma con la fotocamera del cellulare questo è il massimo che sono riuscita ad ottenere):

20131128-075758.jpg

20131128-075805.jpg

Sto ancora studiando una soluzione adeguata, insomma mi vergogno persino a presentarmi per l’ennesima volta da quella Santa donna della mia parrucchiera perché rimedi i miei esperimenti.
Una cosa però mi lascia perplessa…sulla confezione della CC cream è scritto che la maschera copre i capelli bianchi…perché non le meches? E come mai il color nocciola mi ha regalato queste, come definirle, ehm…orribili meches lilla?
Al momento l’unica soluzione è stata legate i capelli in modo che le striature violacee non si vedano, ma urge un rimedio verso questo obbrobrio.

CC cream: capelli nuovi in 15 minuti

Oggi voglio parlarvi di un nuovo prodotto di Collistat che ho appena testato.
Si tratta della CC Cream, una maschera che nutrente meravigliosamente i capelli ed allo stesso tempo dona un riflesso vivo e lucente.
In commercio sono disponibili sei tonalità che vanno dal biondo vaniglia al nero.
Io che non mi faccio mancare nulla, ne ho utilizzate due contemporaneamente.
L’effetto che volevo ottenere era un riflesso più chiaro sui capelli sovrastanti, mentre le ciocche sotto, che fanno appena capolino dalla mia chioma selvaggia, volevo risultassero più scure.
Già lo scorso week-end avevo tentato di ottenere questo risultato con una doppia tinta, eseguita ad opera d’arte dal mio amore.
Il risultato era stato davvero ottimo (il mio moroso si è guadagnato la nomina di mio parrucchiere personale), ma per paura che i capelli si inscurissero troppo avevo optato per un biondo cenere, mentre per non rovinare troppo i capelli sopra, la scelta era ricaduta su un bel biondo chiarissimo naturale ma diluito con acqua ossigenata a 20 vol. non aveva schiarito abbastanza.
In conclusione il risultato era notevole ma il contrasto tra le due tonalità era veramente minimo.
La scoperta di queste maschere riflessanti mi ha dato il coraggio di osare, dal momento che il colore tende a scaricare in 5-6 shampoo, non c’era pericolo di combinare guai a lungo termine.
I colori che ho scelto sono il biondo vaniglia (che toglie l’effetto giallo e dona luce al biondo naturale od a quello ottenuto a suon di tinte e schiariture) ed il castano nocciola.
Dopo lo shampoo, una volta tamponato per bene i capelli, ho diviso la chioma in due ciocche sovrastanti, poi ho iniziato dal biondo vaniglia, che ho distribuito generosamente su tutti i capelli che volevo schiarire, compresa la ricrescita castana, aiutando mi con un pettine.
Il biondo vaniglia risulta blu una volta a contatto con i capelli, ma niente paura, non vi ritrovere con una capigliatura stile manga.
Una volta terminata la parte chiara, ho legato sulla testa i capelli già trattati e sono passata alla parte da scurire, ripetendo l’operazione con il castano nocciola.
Il tempo di posa varia da 5 ai 15 minuti, secondo la copertura che si desidera ottenere; io naturalmente ho sfruttato tutto il quarto d’ora disponibile, riempendo il tempo con una sigaretta e la pulizia del lavandino che avevo dipinto di blu, specchio compreso.
Una volta finito il tempo di posa è sufficiente risciacquare i capelli senza bisogno di rilavarli.
Per vedere l’effettivo risultato è necessario asciugare i capelli e, nel mio caso, procedere alla piega con la piastra (per contrastare l’effetto leonino delle mie onde fin troppo voluminose).
Devo ammettere che sono veramente soddisfatta, i capelli già biondi risultano più chiari e meno paglierini, lucenti e morbidissimi.
Quelli più scuri sono esattamente come li volevo, con una bella tonalità calda nocciola chiaro.

Ecco i miei capelli prima di utilizzare la CC cream:
20131110-001535.jpg

Ed ecco il risultato finale:
20131110-001658.jpg

La piega è risultata rapida e decisamente più facile grazie grazie all’effetto addolcente di questa maschera.
L’unica pecca è che, essendo una maschera riflessante, non schiarisce la ricrescita, ma utilizzando una tonalità scura non solo copre la ricrescita ma, da quello che è indicato sulla confezione, copre anche i capelli bianchi.
Mi sento di consigliare questa maschera che consente di giocare con tutte le tonalità senza paura di sbagliare, male che vada basteranno 5-6 lavaggi a cancellare il danno.

(Il secondo utilizzo di questa CC cream mi ha creato non pochi problemi, potete leggere qui il post dedicato all’accaduto: Ahhhhhhhhh! Ho i capelli viola! | My Life: Smell Of Vanilla
https://mylifesmellofvanilla.wordpress.com/2013/11/28/ahhhhhhhhh-ho-i-capelli-viola/)

Purtroppo l’INCI non è dei migliori, piovono pallini rossi sugli ingredienti che compongono questa magica maschera (purtroppo era da immaginare).
Ecco cosa contiene:
Aqua-cetearyl alcohol-behentrimonium chloride-propylene glycol-glyceryl stearate-cetyl esters-isopropyl alcohol-caprylyl trimethicone-parfum-phenoxyethanol-ethylhexyl methoxycinnamate-amodimethicodone-CI 60730-polysorbate 20-lecithin-cetrimonium chloride-trideceth 10-ethoxydiglycol-linseed acid-panthenol-methylsothiazolinone-tocopherol-sodium cocoyl amino acids-sodium hydroxide-ascorbyl palmitate-hydroxypropyl cyclodextrin-citric acid-potassium dimethicone peg 7 panthenyl phosphate-pentylene glycol-moringa pterygosperma seed extract-calcium chloride-cupric chloride-ferric chloride-magnesium chloride-manganese chloride-zinc chloride.

Potete verificare i singoli ingredienti a questo sito
http://www.biodizionario.it/