Il mio look tutto nuovo: un taglio estremo

L’ho fatto.
Quando Tina, la mia parrucchiera, ha domandato “Allora sei sicura…taglio?”
Ho dovuto respirare a fondo e chiamare a raccolta tutto il mio coraggio per risponde “Taglia”.
Ho visto una massa di capelli cadere disordinatamente sul pavimento ed una sensazione di gelo improvviso dietro il collo.

20131130-081339.jpg
È fatta, indietro non si torna.
Per togliere il colore indefinibile assunto dai miei capelli dopo l’applicazione della CC cream, è stata necessaria una decolorazione, che non si è comunque rivelata sufficiente ad eliminare completamente il riflesso paglierino del color nocciola.
Dopo la fase colore è giunto il momento di completare il taglio…così ecco un’altra massa di capelli abbandonare la mia testa per spargersi sul pavimento.
Mi osservo allo specchio con il cuore in gola, sono entrata con una lunga chioma fluente ed ora mi appresto ad uscire con un caschetto corto sfilato dietro.
Uno shock a cui dovrò abituarmi.
Tina è una maga del taglio e solo lei ha il permesso di toccare i miei capelli con un paio di forbici in mano, so di poter contare su di lei perché non mi ha mai deluso…ma abituarsi ad un cambiamento così radicale è veramente dura.
A tutte coloro che vivono a Ravenna consiglio vivamente di affidarsi all’esperienza ed alla maestria di questa ragazza che da quasi 6 anni è la mia parrucchiera di fiducia e che posso solo ringraziare.

20131130-081412.jpg
Ed ora…vi presento il mio nuovo look!

20131130-081447.jpg
Che ne pensate?

Ahhhhhhhhh! Ho i capelli viola!

Credo che dal titolo del post sia già chiara la tragicità della situazione.
Giuro che il mio intento non era certo quello di ritrovarmi con i capelli in perfetto stile manga.
Ma partiamo dall’inizio, ovvero l’istante in cui l’idea prende forma nella mia mente: due giorni fa, dopo essermi sentita ripetere a lungo da più persone che avrei dovuto rifarmi lo shatush perché mi stava benissimo, mi decido “perché no…ma nulla di definitivo, insomma a me piace la mia chioma bionda…”
Decido di utilizzare la CC cream di collistar color nocciola, che avevo già utilizzato in passato per scurire leggermente i capelli sotto ed il risultato mi aveva lasciato più che soddisfatta.
In fondo questa maschera dura circa 6 lavaggi, tra 3 settimane al massimo tornerò bionda…
Ieri pomeriggio ho giocato alla “piccola parrucchiera” ed armata di CC cream e di pettine ho iniziato mettendo abbondante prodotto dalle radici, stendendolo poi fino a circa metà della lunghezza con l’aiuto del pettine.
15 minuti di posa, come indicato sulla confezione, per poi passare alla fase risciacquo; non è necessario rilavare i capelli, una volta sciacquata la maschera (ovvero quando l’acqua risulta pulita), si è pronti per la piega.
Con i capelli bagnati non sembrava esserci nulla di anomalo, più scuri alla radice schiarendosi man mano sulle lunghezze fino alle punte biondo chiaro.
Mi sono anche complimentata con me stessa “Brava Lara, guarda che bel lavoro che hai fatto! Perché spendere soldi dalla parrucchiera quando è così facile…”
Una volta asciutti…il panico!
“Oh mio Dio…ho le meches viola…anzi lilla….”
Insomma, si può notare una certa differenza tra lo shatush eseguito ad arte dalla mia parrucchiera ed il pasticcio terribile che mi sono auto inflitta.

Qui potete vedere il capolavoro della mia parrucchiera, prima che decidessi di passare ad una chioma completamente bionda:

20131128-075555.jpg

E questo è il risultato del mio esperimento miseramente fallito (le ciocche sono molto più viola rispetto alla foto, ma con la fotocamera del cellulare questo è il massimo che sono riuscita ad ottenere):

20131128-075758.jpg

20131128-075805.jpg

Sto ancora studiando una soluzione adeguata, insomma mi vergogno persino a presentarmi per l’ennesima volta da quella Santa donna della mia parrucchiera perché rimedi i miei esperimenti.
Una cosa però mi lascia perplessa…sulla confezione della CC cream è scritto che la maschera copre i capelli bianchi…perché non le meches? E come mai il color nocciola mi ha regalato queste, come definirle, ehm…orribili meches lilla?
Al momento l’unica soluzione è stata legate i capelli in modo che le striature violacee non si vedano, ma urge un rimedio verso questo obbrobrio.

CC cream: capelli nuovi in 15 minuti

Oggi voglio parlarvi di un nuovo prodotto di Collistat che ho appena testato.
Si tratta della CC Cream, una maschera che nutrente meravigliosamente i capelli ed allo stesso tempo dona un riflesso vivo e lucente.
In commercio sono disponibili sei tonalità che vanno dal biondo vaniglia al nero.
Io che non mi faccio mancare nulla, ne ho utilizzate due contemporaneamente.
L’effetto che volevo ottenere era un riflesso più chiaro sui capelli sovrastanti, mentre le ciocche sotto, che fanno appena capolino dalla mia chioma selvaggia, volevo risultassero più scure.
Già lo scorso week-end avevo tentato di ottenere questo risultato con una doppia tinta, eseguita ad opera d’arte dal mio amore.
Il risultato era stato davvero ottimo (il mio moroso si è guadagnato la nomina di mio parrucchiere personale), ma per paura che i capelli si inscurissero troppo avevo optato per un biondo cenere, mentre per non rovinare troppo i capelli sopra, la scelta era ricaduta su un bel biondo chiarissimo naturale ma diluito con acqua ossigenata a 20 vol. non aveva schiarito abbastanza.
In conclusione il risultato era notevole ma il contrasto tra le due tonalità era veramente minimo.
La scoperta di queste maschere riflessanti mi ha dato il coraggio di osare, dal momento che il colore tende a scaricare in 5-6 shampoo, non c’era pericolo di combinare guai a lungo termine.
I colori che ho scelto sono il biondo vaniglia (che toglie l’effetto giallo e dona luce al biondo naturale od a quello ottenuto a suon di tinte e schiariture) ed il castano nocciola.
Dopo lo shampoo, una volta tamponato per bene i capelli, ho diviso la chioma in due ciocche sovrastanti, poi ho iniziato dal biondo vaniglia, che ho distribuito generosamente su tutti i capelli che volevo schiarire, compresa la ricrescita castana, aiutando mi con un pettine.
Il biondo vaniglia risulta blu una volta a contatto con i capelli, ma niente paura, non vi ritrovere con una capigliatura stile manga.
Una volta terminata la parte chiara, ho legato sulla testa i capelli già trattati e sono passata alla parte da scurire, ripetendo l’operazione con il castano nocciola.
Il tempo di posa varia da 5 ai 15 minuti, secondo la copertura che si desidera ottenere; io naturalmente ho sfruttato tutto il quarto d’ora disponibile, riempendo il tempo con una sigaretta e la pulizia del lavandino che avevo dipinto di blu, specchio compreso.
Una volta finito il tempo di posa è sufficiente risciacquare i capelli senza bisogno di rilavarli.
Per vedere l’effettivo risultato è necessario asciugare i capelli e, nel mio caso, procedere alla piega con la piastra (per contrastare l’effetto leonino delle mie onde fin troppo voluminose).
Devo ammettere che sono veramente soddisfatta, i capelli già biondi risultano più chiari e meno paglierini, lucenti e morbidissimi.
Quelli più scuri sono esattamente come li volevo, con una bella tonalità calda nocciola chiaro.

Ecco i miei capelli prima di utilizzare la CC cream:
20131110-001535.jpg

Ed ecco il risultato finale:
20131110-001658.jpg

La piega è risultata rapida e decisamente più facile grazie grazie all’effetto addolcente di questa maschera.
L’unica pecca è che, essendo una maschera riflessante, non schiarisce la ricrescita, ma utilizzando una tonalità scura non solo copre la ricrescita ma, da quello che è indicato sulla confezione, copre anche i capelli bianchi.
Mi sento di consigliare questa maschera che consente di giocare con tutte le tonalità senza paura di sbagliare, male che vada basteranno 5-6 lavaggi a cancellare il danno.

(Il secondo utilizzo di questa CC cream mi ha creato non pochi problemi, potete leggere qui il post dedicato all’accaduto: Ahhhhhhhhh! Ho i capelli viola! | My Life: Smell Of Vanilla
https://mylifesmellofvanilla.wordpress.com/2013/11/28/ahhhhhhhhh-ho-i-capelli-viola/)

Purtroppo l’INCI non è dei migliori, piovono pallini rossi sugli ingredienti che compongono questa magica maschera (purtroppo era da immaginare).
Ecco cosa contiene:
Aqua-cetearyl alcohol-behentrimonium chloride-propylene glycol-glyceryl stearate-cetyl esters-isopropyl alcohol-caprylyl trimethicone-parfum-phenoxyethanol-ethylhexyl methoxycinnamate-amodimethicodone-CI 60730-polysorbate 20-lecithin-cetrimonium chloride-trideceth 10-ethoxydiglycol-linseed acid-panthenol-methylsothiazolinone-tocopherol-sodium cocoyl amino acids-sodium hydroxide-ascorbyl palmitate-hydroxypropyl cyclodextrin-citric acid-potassium dimethicone peg 7 panthenyl phosphate-pentylene glycol-moringa pterygosperma seed extract-calcium chloride-cupric chloride-ferric chloride-magnesium chloride-manganese chloride-zinc chloride.

Potete verificare i singoli ingredienti a questo sito
http://www.biodizionario.it/