Lavaggio culturale

Ci fu un tempo in cui l’Italia veniva considerata la culla della cultura.
La storia italiana ha visto susseguirsi alcuni trai più grandi artisti in ogni campo, menti geniali in grado di creare capolavori sopravvissuti al tempo e diffusi in tutto il mondo.
Cos’è successo all’Italia?
Dopo un’approfondita ricerca che sembrava non portare a nulla, ecco apparire il Manzoni che con una sola frase riesce a svelare l’arcano.
“Sciacquare i panni in Arno”.
Ecco, ho trovato l’elemento comune ad ogni individuo, ciò che è riuscito ad eliminare ogni traccia di cultura dall’Italia e forse dal mondo.

20140124-073425.jpg

Abbiamo subito tutti un lavaggio culturale ad alte temperature ad opera di quello che appare come un oggetto indispensabile nelle nostre case, un innocuo elettrodomestico creato per facilitare la vita dell’essere umano.
La colpa è sua, la lavatrice ha portato l’essere umano ad avere un bucato bianco, che più bianco non si può, ma con le macchie sono state eliminate anche ogni traccia di cultura e di sapere.
“Eppure esistono ancora grandi menti nel mondo!” starete pensando.
Vero, ma sono quasi certa che queste grandi menti non abbiamo mai fatto uso dell’elettrodomestico in questione, c’è qualcuno che si occupa del bucato per conto loro.
Poi esistono i capi delicati, quelli che riportano chiaramente su l’etichetta l’obbligo di essere lavati a mano, che hanno salvato alcuni dalla piaga dell’ignoranza estrema.
Quindi da oggi basta lavatrice, tutti in fila per sciacquare i panni in Arno!
Con ogni probabilità, tutte quelle h scomparse da tempo sono proprio lì, sul fondo del fiume che aspettano solo di essere ripescate e reinserite nel vocabolario degli italiani.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s