Ci siamo…la vigilia di Natale!

Finalmente ci siamo…è la vigilia!
Sono in elaborazione gli ultimi preparativi: impacchetto i regali che non ho ancora consegnato, stresso la mamma ripetendole “domani è Natale!” ad intervalli regolari di 15 secondi, Simone preparerà il brodo per questa sera…
Visto che fino alle 20.30 si lavora, oramai la tradizione vuole che dopo il lavoro i miei genitori e mia sorella vengano a casa nostra, si mangi tutti insieme e si aspetta la mezzanotte per aprire i regali.
Quest’anno il mio minuscolo albero di Natale scompare sotto la marea di regali che ho ricevuto, sono commossa, la catasta di pacchetti con sopra il mio nome mette a dura prova la mia pazienza: vorrei aprirli tutti subito, ma Simone me lo proibisce categoricamente e non mi perde mai d’occhio per assicurarsi che non mi metta a tastare ogni singolo pacchetto per indovinarne il contenuto.

20131224-075512.jpg
Purtroppo, nonostante i regali, l’albero, la cena con i miei genitori, il pranzo di domani dai nonni…quest’anno il mio Natale non sarà davvero una festa; mia sorella è a Milano con il suo moroso e non potremo aprire i regali insieme ne lamentarci di aver mangiato troppo mentre stiamo ancora addentando l’ultima fetta di pandoro.
La tentazione di prendere a calci il suo moroso per avermela portata via era davvero grande, ma visto che a Natale devo essere più buona…lo farò dopo il 27 dicembre quando tornano.
Per chi pensa che Natale sia solo una festa commerciale, provi a pensare cosa sarebbe questo giorno con tanti regali ma senza le persone che si amano con cui condividerli.
Per me il Natale rappresenta la festa della famiglia, un momento da passare insieme, un giorno per stare a casa con le persone che sono davvero importanti, un’occasione per dire grazie di avere qualcuno di speciale con cui passare questo giorno di festa.
Molti non sentono più lo spirito del Natale, come se la crisi avesse spento nell’animo delle persone la voglia di festeggiare.
È vero, la maggior parte di noi non ha sufficienti risorse economiche per fare regali che lascino a bocca aperta chi li riceve, e con questo?
Non serve regalare un iPhone od un televisore al plasma a 32″, non è questo il significato del Natale.
Pensate a quando eravate bambini, babbo Natale portava un regalo, due se si era fortunati; dentro a quel pacchetto con il nastro colorato poteva esserci dentro qualunque cosa che ne saremmo comunque stati felici. Passare un giorno con tutta la famiglia a giocare a tombola, ad ascoltare i deliri del nonno dopo il secondo bicchiere di vino, ad aprire la porta ogni 10 minuti quando qualcuno suonava il campanello solo per passare a fare gli auguri…questo è il Natale che ho amato da bambina e che, ancora oggi, porto dentro.
A tutti un buon Natale e l’augurio di riscoprire la gioia di passare questo giorno di festa con la famiglia e gli amici…ed a mia sorella voglio dire “ti voglio bene Luis, senza di te non è Natale!”

20131224-075543.jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s